Petizioni e iniziative per gli animali

Qui si possono inserire notizie e iniziative d'interesse ornitologico e ambientale, oltre alle petizioni pro ambiente e animali

Moderatori: Passera, °°Gaia°°, Giac, Giovanna

Rispondi
Avatar utente
Vanna
Senior member
Messaggi: 5728
Iscritto il: lun mag 05, 2008 1:13 pm
Località: Modena

No alla prigionia di un orso

Messaggio da Vanna » ven gen 22, 2010 2:25 pm

Cari amici

in val di Non, nel Trentino, si sta portando avanti il progetto di riportare un orso nel recinto di san Romedio; alcuni mesi fa abbiamo inviato le nostre proteste, ma fino ad ora sono rimaste inascoltate. I sindaci della zona vedono nell'orso un'attrattiva turistica e, per mettere a tacere gli amanti degli animali, sotengono di voler portare un orso che attualemente vive in una gabbia più piccola. Noi ribadiamo che se si vuole aiutare un orso in difficoltà non lo si sposta da una gabbia ad una più grande, ma gli si crea un ambiente adatto a vivere decorosamente anche se purtroppo in cattività.

Riportiamo le dichiarazioni di un esperto Rüdiger Schmiedel - responsabile della fondazione - STIFTUNG für BÄREN Projekt Alternativer Wolf und Bärenpark Schwarzwald in Germania
attivo a livello europeo per la gestione di orsi e altri animali in cattività:

...............................................................................................................................................................................................................................................................................


Siamo venuti a sapere che nella struttura di San Romedio vuole essere rinchiuso un nuovo orso. Nel 2008 abbiamo visitato San Romedio, insieme ad alcuni rappresentanti di organizzazioni per la protezione di animali riconosciute a livello internazionale, fra cui il WWF della Svizzera.


Il santuario di San Romedio è un’attraente struttura, adeguata per la rappresentazione storico-culturale della religiosità tipica del luogo.


Con certezza questa struttura non costituisce uno spazio vitale per un orso bruno di questa regione, che di solito – allo stato selvatico – vive in zone che si estendono dai 200 ai 400 chilometri quadrati. L’ultimo soggiorno della famosa orsa slovena Jurka, che originariamente era stata integrata nell’ambito del programma di reinserimento degli orsi denominato “Life Ursus”, mostra chiaramente che questa struttura non è in grado di soddisfare le normative recenti che definiscono lo spazio vitale di un orso. Jurka ha dimostrato, nel periodo del suo soggiorno in San Romedio, che la struttura non è idonea per orsi e nemmeno per altri tipi di animali.





La FONDAZIONE per ORSI lavora da anni a livello internazionale, insieme a molte organizzazioni ed esperti di zoo, per la riforma delle normative che regolano le condizioni a cui dovrebbero essere sottoposti orsi in prigionia, o che dovrebbero offrire alternative, in caso di cattive condizioni di cattura.


La nostra FONDAZIONE al momento è orientata su orsi nati durante il periodo di cattura e prevede 10.000 metri quadrati di spazio vitale con un terreno lasciato allo stato naturale, con boschi e cespugli, con un’estensione di media grandezza, un corso d’acqua proprio e un bacino d’acqua per la possibilità di fare il bagno, di almeno 500 – 1000 metri quadrati .

Noi siamo dell’opinione che la struttura di San Romedio non è idonea per orsi, anche perché le condizioni climatiche di questa vallata non sono in grado di offrire agli orsi la possibilità di sottrarsi alle intemperie e ai cambiamenti climatici improvvisi.


Proprio in questa parte della montagna con le sue vallate lunghe, umide e ripide, un orso può soggiornare solo per periodi limitati e non in modo duraturo. In base alle misurazioni di telemetria, è noto che proprio gli orsi sfruttano in modo ottimale e molto volentieri le zone elevate e le pendici dei monti e raramente permangono a lungo in valli umide e oscure.


La struttura per orsi in questione ha solo poche ore di sole, persino nell’alta stagione estiva, a causa della profondità della vallata


Il bacino d’acqua artificiale non è grande abbastanza per offrire la possibilità agli orsi di fare il bagno.


La struttura di San Romedio non dovrebbe essere mai adibita ad areale per grossi mammiferi viventi . Per spiegare ai visitatori in modo chiaro e attinente alla storia la leggenda di San Romedio, suggeriamo di organizzare bene questa struttura come luogo di pellegrinaggio e sfruttarla come teatro all’aperto. Su grandi pareti potrebbe essere proiettata la leggenda


Facit:


La FONDAZIONE per ORSI raccomanda di non rinchiudere più orsi nella struttura di San Romedio, poiché gli animali, nonostante un miglioramento rispetto alla situazione precedente, sono ancora costretti a soffrire fisicamente e psichicamente.


Rüdiger Schmiedel


Amministratore aziendale


STIFTUNG für BÄREN


Projekt Alternativer Wolf- und Bärenpark Schwarzwald


Geschäftsführer Herrn Rüdiger Schmiedel


Duderstädter Str. 36a





37339 Leinefelde- Worbis

..................................................................................................................................................................................................................................................................................


Vi invitiamo a scrivere le vostre lettere di protesta ai giornali e ai politici trentini con parole vostre o utilizzando la seguente lettera tipo:



Apprendiamo dalla stampa che fra le attività per il rilancio del santuario di san Romedio è stata approvata la scelta di riportare un orso. Abbiamo già ribadito la nostra contrarietà a rinchiudere un animale in quel recinto;come affermano gli esperti, non è un luogo adatto ad un orso e non possiamo più accettare che gli animali siano considerati fenomeni da baraccone. Anche esperti a livello europeo affermano che il recinto di san Romedio non è idoneo ad animali in cattività. Vi chiediamo di dimostrare la vostra civiltà rinunciando a rinchiudere un altro orso nel recinto oppure ad attivarvi per adeguare l'attuale recinto alle esigenze di questo animale.



Ringrazio per l'attenzione e invio cordiali saluti


Ai seguenti indirizzi:


p.giovanetti@ladige.it ; lettere@giornaletrentino.it ; segretario@comune.romeno.tn.it; c.coredo@comuni.infotn.it



Movimento vegetariano


NO ALLA CACCIA
Via Agrigento 56 • 37138 Verona


www.no-alla-caccia.org • e-mail: info@no-alla-caccia.org



Tel: 347 05 311 08


Il Vicepresidente Anna Maria Pilati



Se non vuoi più ricevere la newsletter o informazioni dall'Associazione -Movimento Vegetariano No alla Caccia- manda una mail a info@no-alla-caccia.org con la richiesta di cancellazione dalla lista.

Avatar utente
Roxy
Senior member
Messaggi: 2924
Iscritto il: dom apr 01, 2007 8:35 pm
Località: Conegliano Veneto

Messaggio da Roxy » sab gen 23, 2010 11:55 am

conosco san Romedio e' un posto bellissimo e selvaggio ma troppo vicino a centri abitati. Per quello la zona recintata e' troppo piccola per un orso che deve dipendere dal cibo dato dagli umani che lo costringe ad arrivare praticamente sotto all'eremo che e' molto visitato e quindi finisce che gli orsi stanno praticamente come se fossero in uno zoo..
la leggenda dice che san romedio aveva un amico orso... ma lui non vedeva centinaia di persone al giorno in media..
Ultima modifica di Roxy il lun mar 08, 2010 10:11 am, modificato 1 volta in totale.
"Il gatto disse: non sono un amico e non sono un servitore. Sono il gatto che cammina da solo e desidero entrare nella tua tana." Rudyard Kipling

Avatar utente
Passera
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 7324
Iscritto il: dom apr 08, 2007 9:20 am
città di residenza: Roma
Località: Roma

Messaggio da Passera » mer feb 24, 2010 2:23 pm

1) CONTRO UCCISIONE DI RANDAGI IN MOLDOVA
Petition against killing of strays in Moldova!
Petition gegen Tötung von Streunern in Moldawien!

* http://www.thepetitionsite.com/2/stop-m ... in-moldova*

2)STERILIZZAZZARE UNA COLONIA DI GATTI N UN CAMPUS UNIVERSITARIO
http://www.thepetitionsite.com/tell-a-friend/6701860
--

3)CONTRO IL MASSACRO DI FOCHE IN CANADA

https://secure.peta.org/site/Advocacy?c ... q4.app331a

4) PER SOSPENDERE UTILIZZO DI ANIMALI VIVI NELLO SHOW CBS 'Let's Make a Deal
CBS's 'Let's Make a Deal' is using live animals as ''zonks'' (booby prizes) on the show, and PETA needs your help to demand a ban on the use of animals as props on the show.

Stage sets--with their bright lights, heavy equipment, loud noises, and boisterous audiences--can be very stressful and traumatic for animals, and many of the animals used on the show are wild and have highly specialized needs. CBS needs to hear from viewers that using animals for entertainment is unacceptable.

Please click the link below to send a quick note to CBS to urge the network to ban live animals as ''zonks'' on 'Let's Make a Deal'.

To take action on this issue, click on the link below:
https://secure.peta.org/site/Advocacy?s ... ..&id=2889
If the text above does not appear as a link or it wraps across multiple lines, then copy and paste it into the address area of your browser.


5)
NIKKI,MY LOVE,MY KITTY DIED BECAUSE VET MADE MISTAKE.I WANT JUSTICE
http://www.thepetitionsite.com/86/justi ... itty-nikki


6)
Petition against hunting
http://www.gopetition.com/online/26324.html





http://unafirmapersalvarmi.myblog.it/
Alla zampa di ogni uccello che vola e' legato il filo dell'infinito.(victor hugo)

Avatar utente
Roxy
Senior member
Messaggi: 2924
Iscritto il: dom apr 01, 2007 8:35 pm
Località: Conegliano Veneto

petizione per salvare i piccoli di foca canadesi

Messaggio da Roxy » lun mar 08, 2010 10:23 am

firmiamo numerosi anche quest'anno per sperare di bloccare l'uccisione di migliaia di cuccioli di foca in canada.
Questo e' il link, come sempre si suggerisce di cambiare l'oggetto per chi non sapesse l'inglese mettere anche semplicemente il nome di una citta' canadese o un nome inglese che conoscete..
http://www.harpseals.org/help/letters_a ... _email.php

================================
chi come me ha firmato lo scorso anno avra' ricevuto questa mail

Harpseals.org News Alert
March 8, 2010

Dear rosanna, This is the time of year when the newborn harp seals enjoy their first days with their mothers in the pristine, icy nurseries of eastern Canada.
It's also the time of year when Canadian fishermen get ready to beat and shoot them to death for their fur. Many are killed before they have even learned how to swim.
Last year, the European Union banned all seal product imports, which had a profound effect on the number of seals killed. Over 70,000 seal pups suffered and died in the 2009 massacre, but this was far less than the quota (about 280,000).
This year, as in several recent years, the seal pups have another threat to contend with: the lack of sea ice. Harp seal mothers give birth to their pups on solid sea ice, since the pups do not know how to swim when they are born. This year appears to be even worse than 2007, when most seal pups in the southern Gulf of St. Lawrence drowned before they could learn how to swim.
There has been some good news for seals in Canada. The grey seal 'hunt' scheduled for February on Hay Island in Nova Scotia, which would have resulted in the brutal deaths of over 2,000 baby grey seals, was cancelled. This was due to the failure of the Canadian government and the sealers to find a buyer for the pelts.
Mid-March is the traditional time to take to the streets in protest of the seal slaughter. This year, groups will join together all over the U.S. and in other countries to voice their opposition to the seal 'hunt' and educate others in their communities who may not yet be aware of this tragedy. Please join events near you or organize your own events. Though March 15th is the traditional Day of Action, the seals need you to keep the pressure on week after week and month after month.
Please also take a moment to send emails to Canada's politicians, who hold the seals' fate in their hands.
Together, we can end the slaughter once and for all.

Thank you for caring.
For the seals,
Diana Marmorstein, Ph.D.
CEO
Harpseals.org
==========================================
dove ci dicono che grazie alla sensibilizzazione la UE ha messo l'embrago ai prodotti derivati da questa mattanza (questo ha cancellato la quota di fochine da abbattere in Nova Scotia avendo ridotto i compratori, e sarebbe un piccolo passo avanti) ma per le povere foche la situazione e' grave perche' devono combattere anche con condizioni ambientali sfavorevoli infatti nei primi giorni di vita le fochine vengono accudite sul ghiaccio dalle madri (e' questo il momento in cui i cacciatori imperversano di solito sui poveri esserini indifesi) ma anche quest'anno come sta capitando negli ultimi anni al polo fa meno freddo ai poli e il ghiaccio e' spesso troppo sottile per reggere il peso di madre e piccolo, la conseguenza e' che il piccolo si trova in acqua quando non e' ancora capace di nuotare e cosi' affoga.. Aggiungere a questo la caccia ai piccoli e' anche una tremenda miopia del Canada..
"Il gatto disse: non sono un amico e non sono un servitore. Sono il gatto che cammina da solo e desidero entrare nella tua tana." Rudyard Kipling

Avatar utente
Vanna
Senior member
Messaggi: 5728
Iscritto il: lun mag 05, 2008 1:13 pm
Località: Modena

Aggiornamento maneggio sotto sfratto

Messaggio da Vanna » mar mar 09, 2010 4:20 pm

Aggiornamento maneggio sotto sfratto


http://www.firmiamo.it/giulemanidaicavalli


Da: Francesca Seri
Inviato: mercoledì 3 marzo 2010 8.45
Oggetto: Aggiornamento maneggio sotto sfratto


La situazione degenera di giorno in giorno. Ieri hanno smantellato l'ultimo campo che restava disponibile per muovere i cavalli. A questo punto, purtroppo hanno ottenuto ciò che volevano, senza rispettare l'accordo verbale di lasciarci usare liberamente le strutture fino al pronunciamento del giudice (la settimana prossima) hanno, di fatto, distrutto le strutture rendendo impossibile l'utilizzo. Il presidente del maneggio sta cercando un'alternativa per tutti. L'idea era di trasferire tutti i cavalli (circa 80), cani e gatti. Purtroppo è praticamente impossibile, nell'immediato, trovare una simile location già pronta ad ospitare tutti. La colonia di gatti è a rischio. Per i cani, oggi vado a parlare con una signora che forse offre uno stallo. I tempi stringono e devo spostare gli animali altrimenti rischiano ogni giorno.

Grazie e buona giornata

Fernanda










--------------------------------------------------------------------------------







--
http://unafirmapersalvarmi.myblog.it/

Avatar utente
Vanna
Senior member
Messaggi: 5728
Iscritto il: lun mag 05, 2008 1:13 pm
Località: Modena

Petizioni ed informazioni Oipa

Messaggio da Vanna » ven mar 19, 2010 4:57 pm

PROTESTA CONTRO IL MASSACRO DI CANI RANDAGI IN MOLDAVIA


A Chisinau, capitale della Moldavia, si sta compiendo un vero e proprio massacro di cani randagi, autorizzato dal sindaco Dorin Chirtoaca. Il numero di cani uccisi quotidianamente si aggira intorno alle 200 unita, e si contano già più di 12000 cani uccisi. Una vera e propria strage compiuta con metodi brutali, di nascosto per non turbare l'opinione pubblica del paese che da molte interviste rilasciate ai media risulta essere nettamente contraria all'utilizzo di certi metodi barbari.


Le sterilizzazioni e l'apertura di nuovi canili sono misure che non vengono adottate nonostante siano state offerte gratuitamente da molte organizzazioni animaliste europee, come l’Associazione veterinaria europea con sede nel Regno Unito e l'associazione Austriaca Vier-Pfoten che sono state segnalate dalla fondazione animalista francese di Brigitte Bardot, le quali si sono offerte di aiutare gratuitamente per le sterilizzazioni dei cani. Siamo informati inoltre del fatto che ha Chisinau sulle bancarelle del mercato vengono vendute pellicce di cani e gatti in grande quantità, cosa che non ci risulta avvenisse in passato.
Questo massacro deve essere fermato!


Invia la lettera di protesta alla pagina http://www.oipaitalia.com/randagismo/ap ... davia.html



CONTINUA L'INTENSA ATTIVITA' DELL'OIPA NAPOLI CONTRO IL FENOMENO DEL RANDAGISMO


Sono sempre numerosi i casi di randagismo in cui sono coinvolti i volontari dell’OIPA di Napoli coordinati dai delegati dell’OIPA di Napoli e provincia Francesca Crocetti e da Carlo Costa, ve ne presentiamo alcuni a titolo di esempio:


Recupero di una cagnetta da una discarica
“Questa è una storia incredibile, c'è un vecchietto a Marigliano (NA), tra l'altro sordo, che tutti i giorni a piedi gira per le terre sperdute di questo paese, consapevole del fatto che quelli sono luoghi d'abbandono di animali e quindi "ne va alla ricerca". Alcuni giorni fa ci chiamò perché aveva trovato dentro una discarica molto profonda questa cagnetta, ma non riusciva ad entrare, perché altrimenti non sarebbe più potuto risalire. Siamo subito accorsi sul posto e constatammo che effettivamente c'era questa cagnetta, che non era del colore della foto, ma grigia. Lei non poteva credere che qualcuno fosse arrivato ad aiutarla, chissà da quanto tempo stava in quella discarica e il vedere noi che stavamo scendendo a prenderla l'ha fatta così tanto emozionare che piangeva di commozione.


Guarda le foto dei numerosi casi di salvataggio compiuti dall’OIPA di Napoli e sostieni i volontari nella loro attività di aiuto e recupero degli animali alla pagina http://www.oipaitalia.com/sezioni/napol ... gismo.html


Altre info sull’OIPA di Napoli alla pagina http://www.oipaitalia.com/sezioni/napoli.html


STOP DEGLI ESPERIMENTI SUI MAIALI AL MEDICAL COLLEGE NEL WISCONSIN (USA)


Migliaia di e-mail, lettere e fax hanno fatto la differenza ! Finalmente è arrivato l’annuncio che è stata messa la parola fine all’uso dei maiali nei laboratori di Fisiologia del Medical College nel Wisconsin (USA). Settimana scorsa i rappresentanti del Medical College of Wisconsin (MCW) hanno annunciato la fine permanente all’uso dei maiali nel laboratorio cardiovascolare di Fisiologia. Al posto degli animali saranno introdotte alternative non animali, moderne e sofisticate, quali i programmi di simulazione.


L’OIPA ringrazia di cuore tutti coloro che avevano firmato e diffuso il nostro Appello per gli animali rivolto al MCW, il quale chiedeva di porre fine alla crudeltà ed introdurre moderne tecniche di addestramento. Pochi minuti del vostro tempo hanno reso possibile, anche in questo caso, di dare inizio ad un cambio di direzione e di salvare gli animali.


Leggi la notizia alla pagina http://www.oipaitalia.com/vivisezione/n ... onsin.html


SIT-IN CONTRO LA CACCIA A FIRENZE


Si può dire che la democrazia in Toscana è democrazia se uno sparuto numero di cacciatori (110.000 su 3.600.000 abitanti) viene ascoltato, accontentato, privilegiato, mentre la stragrande maggioranza della popolazione (80-90% pari a oltre 3.000.000 di abitanti), nonostante manifesti la sua contrarietà alla caccia e ne richieda l'abolizione, resta invece ignorato?


La pratica anacronistica e sanguinosa denominata caccia, oltre che a uccidere animali innocenti, rompere l'equilibrio degli ecosistemi, avvelenare il suolo, introdursi nella proprietà privata, coltiva i peggiori istinti dell'essere umano: la violenza, la brutalità, la prepotenza, l'arroganza, il dispotismo, la spietatezza lo avvia all'indifferenza verso i diversi, i più deboli, alimenta la sua rapacità.
Spogliata della sua motivazione primordiale (la sopravvivenza) la caccia mostra la sua unica finalità: il divertimento.


L’OIPA di Firenze aderisce al Sit-in contro la caccia di


Sabato 20 marzo 2010 dalle ore 15.00 - 19.00


Piazza Santissima Annunziata, Firenze


Info alla pagina http://www.oipaitalia.com/appuntamenti/ ... accia.html



Ricordati di firmare tutti gli altri appelli e le petizioni delle campagne OIPA sul sito www.appelliperglianimali.it


Bastano pochi minuti che possono essere sufficienti per contribuire a salvare la vita di molti animali!


Se non vuoi più ricevere lanewsletter dell'OIPA manda una mail a info@oipaitalia.com con la richiesta di cancellazione dalla lista.


OIPA Italia Onlus


Organizzazione Internazionale Protezione Animali

Avatar utente
Passera
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 7324
Iscritto il: dom apr 08, 2007 9:20 am
città di residenza: Roma
Località: Roma

Messaggio da Passera » gio mar 25, 2010 9:38 pm

---------- Messaggio inoltrato ----------
Da: <info@no-alla-caccia.org >
Date: 22 marzo 2010 13.39
Oggetto: Petizione per l'abolizione della caccia



Cari amici degli animali,

vi informiamo che SABATO 27 marzo ci sarà una mobilitazione a livello nazionale per la
RACCOLTA DI FIRME PER CHIEDERE L'ABOLIZIONE DELLA CACCIA.
Questo sara' il primo di diversi appuntamenti che vogliamo organizzare per portare avanti questa grande meta,
che speriamo, coinvolga via via sempre piu' associazioni e volontari.
E' risaputo che la maggioranza degli italiani è contraria a questa pratica brutale e anacronistica.
Non è più possibile permettere che alcune migliaia di persone decidano la sorte degli animali selvatici.
La caccia ha già provocato irreparabili danni all'interno delle specie animali, ma anche a tutto l'ecosistema;
è indispensabile far sentire la nostra voce e dimostrare che siamo in tanti affinchè i politici finalmente smettano di sostenere questa lobby.

Ci saranno tavoli per la raccolta firme nelle seguenti città:

TRENTO in Via Ossmazzurana dalle 10.00 alle 18.00
VERONA in Piazza BRA ( lungo marciapiede Liston lato via Roma) dalle 10.00 alle 18.00
MILANO in Piazza Cordusio dalle 9.00 alle 19.00
VARESE in Corso Matteotti dalle 9.00 alle 18.00
TORINO Via Roma, 9 (angolo piazza Castello) dalle 10.00 alle 19.00
FIRENZE in Piazza Stazione (lato Bata) dalle 09 alle 19.00
ROMA Largo Goldoni (via del Corso) dalle 10.00 alle 20.00
CHIETI Corso Marruccino (altezza piazza Gian Battista Vico) dalle 9.00 alle 21.00


Invitiamo tutti coloro che desiderano aderire e/o aiutarci concretamente ai tavoli durante la giornata a comunicarcelo al più presto.
Se desiderate potete collaborare alla raccolta firme anche da casa vostra, raccogliendo consensi tra parenti, amici colleghi...
potete scaricare la petizione sul nostro sito attraverso il seguente link:
http://www.no-alla-caccia.org/downloads ... caccia.doc
e poi inviarcela tramite posta all'indirizzo indicato.

Per qualsiasi informazione potete scrivere a
mail: info@no-alla-caccia.org
oppure telefonare al
numero 347 053 11 08

Grazie per l'attenzione.

Ufficio Stampa No alla Caccia
Floriana Saracino
www.no-alla-caccia.org
Alla zampa di ogni uccello che vola e' legato il filo dell'infinito.(victor hugo)

Avatar utente
Passera
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 7324
Iscritto il: dom apr 08, 2007 9:20 am
città di residenza: Roma
Località: Roma

Messaggio da Passera » mer apr 07, 2010 11:33 am

Messaggio << prec | torna a Posta in Arrivo | succ >> francescalicopoli@interfree.it

Posta Inviata Cestino
Da: Niseema <niseema@tin.it> [Aggiungi alla rubrica]
A: Recipient list suppressed:;
Data: 7 Apr 2010 - 08:49
Oggetto: [AgireOra] [SOSTEGNO] Sosteniamo la pdl contro i circhi con animali!


From: AgireOra Network

Apprendiamo da questo articolo di ieri, 5 aprile:
Stop alle esibizioni di leoni e tigri nei circhi
4 proposte di legge che mettono tutti d'accordo
http://www.repubblica.it/cronaca/2010/0 ... o-3137672/

che a quanto pare le proposte di legge gia' esistenti in tema di divieti
di detenzione degli animali nei circhi si sono "risvegliate" e sono ora
in discussione alla Commissione Cultura della Camera dei Deputati,
raggruppate, assieme a varie altre, in un unico testo di legge unificato.

L'articolo de "La Repubblica" si apre cosi':
----------------------------
ROMA - Quanto meno sul destino di leoni, tigri ed elefanti la
maggioranza e l'opposizione sembrano pensarla allo stesso modo. E' molto
probabile, infatti, che questi animali non vengano più costretti ad
esibirsi nei circhi equestri. In Parlamento marciano unite verso
l'approvazione quattro proposte di legge presentate dall'inizio della
legislatura da Pdl e Pd, che sostanzialmente dicono la stessa cosa:
basta con lo sfruttamento degli animali nelle attività circensi.
----------------------------

Ormai in varie nazioni ci sono leggi o proposte di legge di divieto
totale o parziale di uso di animali nei circhi.
Questa italiana non sara' certo di divieto totale, perche' nessuna della
singole proposte chiedeva questo, pero' se gia' si inizia col vietare ai
circhi di acquisire nuovi animali, eliminare i contributi statali ai
circhi con animali, ostacolare la pubblicita' dei circhi con animali,
ecc., si potra' a breve arrivare alla totale eliminazione, e quindi si
tratta di un passo fondamentale.

E' dunque importante farsi sentire scrivendo alla Commissione Cultura,
iniziando dalla Presidente, dai vicepresidenti e dai segretari, oltre
che dall'on. Carlucci che e' la relatrice di questo progetto di legge
unificato.

Scriviamo a:

aprea_v@camera.it, frassinetti_p@camera.it, nicolais@camera.it,
detorre_l@camera.it, goisis_p@camera.it, carlucci_g@camera.it

oppure, col ";" come separatore:

aprea_v@camera.it; frassinetti_p@camera.it; nicolais@camera.it;
detorre_l@camera.it; goisis_p@camera.it; carlucci_g@camera.it

inviando il testo sottostante in forma di petizione, ricordando di
mettere in fondo il vostro nome e cognome.
Vi preghiamo di NON inviare tutto il presente messaggio agli indirizzi
indicati, ma solo il testo che trovate qui sotto, grazie. Ricordate
anche di mettere un oggetto al vostro messaggio, non lasciatelo vuoto.

Petizione da inviare:

--------------------------------

Alla Presidente
ai vicepresidenti
ai segretari
della Commissione Cultura
e alla relatrice del testo unificato dei progetti di legge nn.
136-459-769-1018-1156-1183-1480-1564-1610-1849-1935-2280

Gentili deputati,

in merito al problema dello sfruttamento degli animali nei circhi,

DATO CHE:

- è stato dimostrato da numerose investigazioni sotto copertura che nei
circhi con animali il metodo normale di addestramento è usare la
violenza; un documentario di esempio:
http://www.tvanimalista.info/video/anim ... offerenza/

- oltre alla violenza dell'addestramento, gli animali sono tenuti
continuamente in piccole gabbie, e questo da solo porta a un'enorme
sofferenza e costituisce un tipo di maltrattamento che per gli animali
d'affezione è vietato dalla legge (e gli animali d'affezione sono molto
più piccoli, e non selvatici; animali grandi e per loro natura selvatici
soffrono in modo enormemente maggiore);

- un numero sempre maggiore di nazioni, in Europa e in altre parti del
mondo, stanno vietando l'utilizzo di animali nei circhi, e sostenendo
gli spettacoli senza animali - ogni anno che passa sono sempre di più le
leggi approvate in questo senso e le proposte di legge presentate sul tema;

I SOTTOSCRITTI CITTADINI CHIEDONO

che nella discussione del progetto di legge che regolera' la materia si
inserisca una norma che preveda l'eliminazione dei contributi statali ai
circhi che usano animali e che si preveda il divieto dell'utilizzo di
animali nei circhi, eventualmente in modo graduale ma in tempi brevi,
incentivando invece soltanto gli spettacoli senza animali.

In fede,
... nome cognome ...
--------------------------------



**********************************
Alla zampa di ogni uccello che vola e' legato il filo dell'infinito.(victor hugo)

Avatar utente
Passera
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 7324
Iscritto il: dom apr 08, 2007 9:20 am
città di residenza: Roma
Località: Roma

Messaggio da Passera » lun mag 24, 2010 2:46 pm

Alla zampa di ogni uccello che vola e' legato il filo dell'infinito.(victor hugo)

Avatar utente
Passera
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 7324
Iscritto il: dom apr 08, 2007 9:20 am
città di residenza: Roma
Località: Roma

Messaggio da Passera » mar giu 01, 2010 6:31 pm

La legge attuale vieta di testare cosmetici finiti su animali, ma sancisce ancora l’obbligo di testare su animali qualsiasi nuovo ingrediente prima di commercializzare il prodotto. Dovrebbe restare così, e il condizionale è d’obbligo visti i continui slittamenti, fino al 2013, quando cioè anche gli ultimi tre test di tossicità consentiti (assorbimento, distribuzione, metabolismo ed escrezione della sostanza in esame) verranno banditi dalla Comunità Europea.

C’è però un problema. Secondo l’associazione animalista Humane Society International, sembra che si stia lavorando in silenzio per posticipare l’entrata in vigore della legge.

Per questo vi invito a firmare E DIFFONDERE la petizione proposta da questa associazione per intraprendere azioni volte a sollecitare chi di dovere perché ciò non accada, al link:

https://secure.humanesociety.org/site/A ... on&id=4543
Alla zampa di ogni uccello che vola e' legato il filo dell'infinito.(victor hugo)

Rispondi

Torna a “Notizie, iniziative, petizioni, appelli”