Lupo muore strangolato sulla Majella

Qui si possono inserire notizie e iniziative d'interesse ornitologico e ambientale, oltre alle petizioni pro ambiente e animali

Moderatori: Passera, °°Gaia°°, Giac, Giovanna

Rispondi
Avatar utente
Nuri945
Senior member
Messaggi: 15584
Iscritto il: lun apr 07, 2008 5:18 pm
Località: Firenze

Lupo muore strangolato sulla Majella

Messaggio da Nuri945 » mer gen 15, 2014 8:41 pm

http://www.repubblica.it/ambiente/2014/ ... 5/1/?rss#1

Un lupo, esemplare maschio di due anni e mezzo, è rimasto vittima di un laccio a strangolo posizionato nella zona di Sant'Elia, nel Comune di Caramanico Terme (Pescara): a scoprirlo il personale del Parco Nazionale della Majella, impegnato nelle attività di monitoraggio intensivo sul lupo, avviate nell'ambito del Progetto WolfNet, attraverso il controllo costante degli spostamenti e dei movimenti dei lupi dotati di collari GPS. Il lupo non ha avuto alcuna possibilità di salvarsi poichè è rimasto intrappolato con il collo, con conseguente strozzamento. Una morte sicuramente cruenta e non immediata nonostante gli inutili tentativi dell'animale di liberarsi.

Secondo il direttore del Parco, Oremo Di Nino, si tratta di "un gesto che non resterà impunito: il Parco sporgerà denuncia verso ignoti e attiverà tutte le azioni utili affinché il responsabile paghi per l'azione commessa". "Il Coordinamento Territoriale per l'Ambiente del Corpo Forestale dello Stato - ha spiegato - ha attivato le indagini, intensificando i controlli già assidui sul territorio. Ho chiesto una linea dura affinché questo crimine non resti impunito".
"La preoccupazione è grande - ha sottolineato - soprattutto perché il territorio del Parco si contraddistingue per una importante popolazione di lupi e per la presenza di diversi individui di orso e questa vicenda getta un'ombra di paura sul loro futuro. Il Parco non resterà a guardare: ho già dato disposizioni affinché vengano messi in campo tutti i sistemi di controllo del territorio, anche avvalendosi della tecnologia più innovativa, al fine di individuare il responsabile di questo reato" ed impedire che fatti di questo genere continuino ad accadere; si tratta del secondo caso che si è registrato in poco tempo, anche se nell'altra circostanza il lupo venne salvato.

L'uso del laccio a strangolo è un metodo di caccia illegale e non selettivo molto diffuso in Abruzzo: una trappola in genere piazzata lungo i camminamenti abituali degli animali. Può colpire le zampe o il tronco, fatto più comune per cinghiali, cervi e caprioli, oppure prendere il collo, portando alla morte per strangolamento
DanielaImmagine

Rispondi

Torna a “Notizie, iniziative, petizioni, appelli”