Rassegna Stampa

(Salamandre) Un cimetière très vivant


Un articolo della rivista svizzera 'Salamandre' in cui si parla anche di Aria e Vento.


Per leggere l'articolo clicca qui

(Horus Blog) Interview with Giacomo Dell'Omo


Un'intervista a Giacomo Dell'Omo (presidente Ornis italica/Birdcam.it) di Horus Blog, progetto spagnolo che studia i gheppi.

Per leggere l'articolo clicca qui

Nota stampa. Nata Stella dalla coppia di falchi più famosa del web


Image and video hosting by TinyPic




INANELLATA STELLA, LA FALCHETTA
FIGLIA DELLA COPPIA ALATA PIU’ SEGUITA DEL WEB
La vita all’interno del nido sui siti

www.birdcam.it
e nella sezione “Sostenibilità” di
www.terna.it




Roma, 12 maggio 2014
– E’ stata inanellata Stella la giovane falchetta figlia delle star del web Aria e Vento, che hanno raggiunto il decimo anno di vita insieme.



Stella, nata il 15 aprile, ha ora sulla zampina destra l’anello identificativo con il numero CJ2138 che consentirà di riconoscerla se -
dopo l’involo - dovesse essere nuovamente inquadrata dalle webcam o se venisse ritrovata. Quest’anno gli anelli hanno consentito di riconoscere ben tre
falchi nati negli anni passati: due figli di Aria e Vento, che si sono riprodotti in altri due nidi seguiti dalle cam, e un altro, giunto ferito alla Lipu,
che ora è in convalescenza nel Centro di Recupero.



Alla cerimonia d’inanellamento del falco pellegrino - avvenuta come di consueto sulla terrazza della facoltà di Economia dell’Università “La Sapienza” di
Roma che ospita la cassetta nido installata da Terna in collaborazione con Ornis italica - erano presenti, tra gli altri, il preside della facoltà
prof. Giuseppe Ciccarone e l’ex preside Attilio Celant, oltre ai numerosi appassionati che seguono le sorti del nido sul sito di Birdcam.it.



Inanellati anche i falchetti - sette in totale - degli altri tre nidi seguiti dalle webcam di Ornis italica-Birdcam.it (www.birdcam.it). Tutti i particolari sulle “carte d’identità” dei piccoli sono riportati in questa nota → http://goo.gl/0x0OkA.



Le webcam di Aria e Vento su Birdcam.it sono un’iniziativa di Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, in
collaborazione con la facoltà di Economia dell’Università “La Sapienza” di Roma e di Ornis italica, l’associazione di ricercatori e ornitologi con
la quale Terna collabora anche per “Nidi sui tralicci”, il progetto nato per aiutare la nidificazione di altre specie (gheppi, allocchi e ghiandaie marine)
nella campagna romana e in altre regioni italiane.



In questi dieci anni si sono felicemente involati dal nido dell’Università 26 piccoli, alcuni dei quali hanno formato nuove coppie in altre zone della
città.



Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “ Sostenibilità” di www.terna.it.



Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “Sostenibilità” di www.terna.it.



Foto di Stella con un genitore
http://goo.gl/
NXKrxd

Foto della stagione riproduttiva 2014 di Aria e Vento
http://goo.gl/P3krBA





Per maggiori informazioni:



Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis Italica – Tel. 347.6167167



Comunicazione e social media Ornis italica-Birdcam.it: Loredana Diglio e-mail:
birdcamfb@gmail.com




Ufficio Stampa Terna – Tel. 06.83139081 e-mail
ufficio.stampa@terna.it




Ufficio Stampa e Comunicazione Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
www.uniroma1.it



Capo ufficio stampa: Alessandra Bomben



Addetti Stampa: Christian Benenati - Marino Midena - Barbara Sabatini - Stefania Sepulcri



Tel. 06.49910035/0034 Fax 06.49910399 e-mail
stampa@uniroma1.it

Rassegna stampa Aria e Vento 8-9 marzo 2014

Aria e Vento 7-8 marzo 2014.pdf


Nota stampa. ARIA E VENTO: 10 ANNI DI VITA INSIEME AL VIA LA STAGIONE RIPRODUTTIVA 2014 DELLA COPPIA DI FALCHI PELLEGRINI PIU’ SEGUITA DEL WEB


Image and video hosting by TinyPic




ARIA E VENTO: 10 ANNI DI VITA INSIEME



AL VIA LA STAGIONE RIPRODUTTIVA 2014 DELLA COPPIA DI FALCHI PELLEGRINI PIU’ SEGUITA DEL WEB



La vita all’interno del nido sui siti

www.birdcam.it
e nella sezione “Sostenibilità” di
www.terna.it



Roma, 7 marzo 2014
– Aria e Vento, i famosi falchi pellegrini romani, festeggiano quest’anno il loro decimo anno di vita di coppia. Il primo marzo hanno deposto il primo
uovo, dando inizio così alla stagione riproduttiva 2014, che vede coinvolte anche altre tre coppie di falchi pellegrini, la cui vita è ripresa
quotidianamente dalle webcam.




Per il decimo anno consecutivo la coppia di falchi pellegrini più seguita del web ha scelto, per riprodursi, il nido artificiale di Terna sulla terrazza
della facoltà di Economia della Sapienza di Roma, monitorato h 24 da una webcam dell’associazione scientifica Ornis italica. E’ possibile, in
questo modo, seguire in diretta le fasi della riproduzione e scoprire da molto vicino comportamenti che gli ornitologi fino a qualche anno fa erano in
grado di osservare solo con i binocoli. In questi dieci anni si sono felicemente involati dal nido dell’Università 26 piccoli e alcuni di questi hanno
formato nuove coppie in altre zone della città.




Le uova deposte, solitamente quattro, verranno covate per circa 33 giorni, i piccoli saranno quindi accuditi da entrambi i genitori per circa 40 giorni,
per poi involarsi.




Questo nido “urbano”, tutelato dalla Presidenza della Facoltà di Economia, costituisce l’unica eccezione nell’ambito del progetto “Nidi sui tralicci” che
Terna porta avanti da anni con Ornis italica per favorire la nidificazione di ghiandaie marine, gheppi, assioli e falchi cuculi, nel Lazio,
Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia e Umbria, grazie all’installazione di centinaia di cassette nido da cui si involano, ogni anno, circa mille nuovi nati.




Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “ Sostenibilità” di www.terna.it.



Per maggiori informazioni:



Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis Italica – Tel. 347.6167167



Comunicazione e social media Ornis italica-Birdcam.it:
Loredana Diglio e-mail:
birdcamfb@gmail.com







Ufficio Stampa Terna – Tel. 06.83139081 e-mail
ufficio.stampa@terna.it




Ufficio Stampa e Comunicazione Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
www.uniroma1.it



Capo ufficio stampa: Alessandra Bomben



Addetti Stampa: Christian Benenati - Marino Midena - Barbara Sabatini - Stefania Sepulcri



Tel. 06.49910035/0034 Fax 06.49910399 e-mail
stampa@uniroma1.it

RESTITUITO AI GENITORI L'AQUILOTTO DEL BONELLI RAPITO. IL PLAUSO DI ORNIS ITALICA


Image and video hosting by TinyPic



COMUNICATO STAMPA




RESTITUITO AI GENITORI L'AQUILOTTO DEL BONELLI RAPITO. IL PLAUSO DI ORNIS ITALICA





"L'aquilotto del Bonelli rapito l'8 maggio dal suo nido in provincia di Agrigento è tornato dai genitori dopo quasi due mesi. Il padre e la madre lo hanno subito riconosciuto e lo hanno sollecitato a volare con lui, invito che il piccolo ha accolto immediatamente. Un evento unico nel suo genere, un esperimento senza precedenti: per questo ringraziamo vivamente il Servizio Cites del Corpo forestale dello Stato e il Coordinamento per la sua attività investigativa e repressiva e ci congratuliamo con Centro recupero fauna selvatica della Lipu di Ficuzza (Palermo) per l'aver condotto a lieto fine la vicenda, favorendo il ricongiungimento del pullo con i suoi genitori". E' quel che dichiara Ornis italica, associazione di ricercatori naturalisti promotrice del progetto Birdcam.it (www.birdcam.it), che consente di osservare online i nidi di falchi, ghiandaie marine, sule.



"Ornis italica ha seguito con apprensione e poi con gioia le notizie del recupero e del reinserimento del giovane aquilotto del Bonelli nel nido.
Il nucleo Cites della forestale ha agito con precisione e rapidità nel localizzare lontano dalla Sicilia l'aquilotto rubato (un fratellino sfortunatamente era morto), nel recuperarlo e nell'affidarlo alle mani esperte di Massimiliano di Vittorio e i numerosi volontari che con passione competenza lo hanno aiutato a riunirsi ai genitori. Questi ultimi non hanno avuto dubbi nel riconoscerlo e nel prendersi subito cura di lui, nonostante le settimane passate dal momento del rapimento. Ora la giovane aquila si trova tra le mani migliori in cui potesse capitare - quelle dei suoi genitori - che potranno accompagnarla nel raggiungimento dell'indipendenza alimentare e lo aiuteranno ad inserirsi nell'ambiente naturale. E' un'altra notizia confortante, dopo quella dello scorso anno che riguardava l'involo di numerosi aquilotti dai nidi della Sicilia in seguito ai controlli antibracconaggio dei nidi. Speriamo che il prelievo indiscriminato di giovani falchi e aquile dai nidi della Sicilia e di altre zone del nostro Paese possa per sempre finire. Invitiamo chiunque sia a conoscenza d'illeciti sulla fauna selvatica di denunciare i fatti al Corpo forestale dello Stato (tel. 1515)".



Roma, 4 luglio 2013



Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis italica, tel. 347.6167167



Ornis Italica: www.ornisitalica.com Canale Youtube: www.youtube.com/ ornisitalica



Birdcam.it: www.birdcam.it - Facebook: www.facebook.com/birdcam.it - Canale Youtbe: www.youtube.com/birdcamit




(Agoravox) Alla Sapienza sono nati quattro cuccioli di falco


Per leggere l'articolo clicca qui

(Corriere della Sera) Sui tetti della Sapienza nati 4 falchi pellegrini


Per leggere l'articolo clicca qui

(Youanimal.it) Quattro piccoli falchi pellegrini in diretta sul web


Per leggere l'articolo clicca qui

(AdnKronos) Nati i 4 piccoli falchi della coppia Aria e Vento


Per leggere l'articolo clicca qui

(Ansa) Nati 'in diretta' 4 falchetti a Roma


Per leggere l'articolo clicca qui

(Agi) AMBIENTE: 4 FALCHI NATI SUI TETTI DI UNIVERSITA' SAPIENZA DI ROMA


Per leggere l'articolo clicca qui

(Agi) INANELLATI A ROMA FALCHETTI PELLEGRINI LA SAPIENZA


Per leggere l'articolo clicca qui

(Dire) ANIMALI. LA SAPIENZA, SI INANELLANO FALCHETTI DI 'ARIA' E 'VENTO'


ANIMALI. LA SAPIENZA, SI INANELLANO FALCHETTI DI 'ARIA' E 'VENTO'. LA COPPIA DI FALCHI PELLEGRINI VIVE IN CASSETTA-NIDO DI TERNA. (DIRE)

Roma, 30 apr. - Anche quest'anno i quattro nuovi nati dalle uova della coppia di falchi pellegrini Aria e Vento, saranno inanellati sul terrazzo della facolta' di Economia dell'Universita' di Roma 'La Sapienza'. L'appuntamento con i ricercatori dell'associazione scientifica di Ornis Italica e' per oggi, a partire dalle ore 17. La nona stagione riproduttiva della prolifica coppia di rapaci che nidifica in una cassetta-nido installata da TERNA sul cornicione della Sapienza, aveva preso il via nei primi giorni di marzo quando Aria aveva deposto il suo primo uovo, seguito da altri tre. Sia la deposizione che la schiusa delle uova sono avvenute in diretta web, e sempre online sul forum di Aria e Vento, i numerosi appassionati hanno scelto per i piccoli i nomi Orus, Licinio, Calpurnia, Shein. La cassetta-nido e' infatti monitorata 24 ore su 24 da una webcam di nuova generazione, caratterizzata da una altissima definizione delle immagini, che permette a studiosi e appassionati di seguire la vita dei rapaci direttamente dal sito www.birdcam.it e dalla sezione "sostenibilita'" di TERNA. 'Birdcam' e' un'iniziativa che vede la collaborazione di TERNA, proprietario della rete elettrica nazionale, dell'Universita' 'La Sapienza' di Roma e di Ornis Italica, l'associazione di ricercatori e ornitologi con la quale TERNA collabora anche per il progetto 'Nidi sui tralicci' che ha gia' portato all'installazione di numerose cassette-nido artificiali sulle linee di TERNA. (SEGUE) (Com/Amb/Dire) 11:27 30-04-13 NNNN


(DIRE) Roma, 30 apr. - Come da tradizione, ogni anno l'inanellamento dei falchetti da parte degli operatori dell'associazione Ornis Italica avviene a circa 15 giorni dalla loro nascita, quando i pulcini sono ancora a uno stadio precoce del loro sviluppo, ricoperti di piumino bianco, mentre le prime penne spunteranno tra qualche giorno. I tempi dell'operazione sono dettati dalla necessita' di non correre il rischio che i pulcini, spaventati dalla presenza degli operatori, possano sbilanciarsi nel vuoto. L'inanellamento e' un atto fondamentale dal punto di vista scientifico perche' consente la riconoscibilita' nel tempo di questi soggetti che potranno essere osservati o catturati nuovamente da altri ricercatori. Le eventuali future segnalazioni permetteranno, infatti, di ricostruire i movimenti degli uccelli che ancora oggi non sono del tutto conosciuti. Ci si aspetta che i giovani falchi, una volta involatisi dal nido, si allontanino fino all'Africa subsahariana (da qui il nome di "peregrinus": pellegrino, dato a questo falco) anche se dati acquisiti proprio da questi soggetti indicano una spiccata filopatria. (Com/Amb/DIRE) 11:27 30-04-13 NNNN

(Tgcom24) Falchi pellegrini nati a Roma


Per leggere l'articolo clicca qui

Comunicato stampa sulla nascita dei pulli Aria e Vento


Image and video hosting by TinyPic


COMUNICATO STAMPA


NATI ORUS, LICINIO, CALPURNIA E SHEIN


I 4 PICCOLI FALCHI DELLA COPPIA ARIA E VENTO



L’evento in diretta sul sito www.birdcam.it grazie alle webcam di Terna


sul tetto della facoltà di Economia dell’Università di Roma “La Sapienza”


<


Le uova di Aria e Vento, la coppia di falchi pellegrini che da ormai nove anni consecutivi nidifica in una cassetta-nido installata da Terna sul cornicione della Facoltà di Economia dell’Università di Roma “La Sapienza”, erano state deposte all’inizio di marzo. Ora, tutte e quattro, si sono schiuse.


A dare la notizia sono stati gli internauti italiani e olandesi che dal sito www.birdcam.it hanno assistito in diretta alla schiusa delle uova. Il primo falchetto è nato all’alba di mercoledì, dopo circa quaranta giorni di cova, il secondo e il terzo sono nati poco dopo, e il quarto a fine giornata. Gli uccelli avevano impiegato sei giorni per deporre tutte le uova, che invece si sono schiuse tutte in una sola giornata. L’incubazione da parte di entrambi i genitori, quindi, è stata impeccabile: d'altronde, questa coppia ha ormai acquisito una notevole esperienza, se si pensa che nelle nove stagioni riproduttive ha dato alla luce 26 giovani falchetti. Nelle precedenti otto stagioni riproduttive, solo in due occasioni però si erano schiuse tutte e quattro le uova.


Dal momento della schiusa, le immagini e il video dell’evento hanno fatto il giro del web e sono state postate anche su YouTube. I nomi ai pulli vengono assegnati dalle persone che sul forum della webcam osservano per prime l’uovo. Gli internauti hanno quindi deciso che i falchetti si chiameranno Orus, Licinio, Calpurnia, Shein.


Le webcam puntate sui rapaci consentono da quasi un decennio di osservare costantemente la loro vita privata all’interno della cassetta-nido. Gli utenti del web che si collegano al sito o alla pagina Facebook di www.birdcam.it per seguire in diretta la nascita dei falchetti sono sempre più numerosi, tanto da far registrare un picco di visite che si prevede aumenti durante il periodo dell’allevamento. Gli appassionati potranno seguire successivamente l’inanellamento dei giovani falchi, a cura degli operatori dell’Associazione scientifica Ornis Italica che avviene all’età di 15 giorni.


Aria e Vento sono i primi falchi pellegrini a nidificare a Roma e tra i primi in una città italiana.


Il nido artificiale di Terna sulla terrazza della Facoltà di Economia dell’Università di Roma “La Sapienza” è monitorato h24 da due webcam posizionate insieme a Ornis italica.


Terna, oltre al nido sul tetto della facoltà di Economia, ha allestito sui tralicci elettrici nella campagna romana, ma anche in Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia e Umbria, numerose cassette nido adatte alla nidificazione di diverse specie di uccelli, come ghiandaie marine, gheppi e falchi cuculi, da cui si involano, ogni anno, oltre 1.000 nuovi nati.



Roma, 11 aprile 2013


Infoline: Giacomo Dell'Omo (+39) 347.6167167

Comunicato stampa sulla deposizione di Aria e Vento (8 marzo 2013)


Image and video hosting by TinyPic

COMUNICATO STAMPA UNIVERSITA' "LA SAPIENZA" DI ROMA - ORNIS ITALICA - TERNA SPA



La vita all’interno del nido sui siti www.birdcam.it e sulla sezione “Sostenibilità” di www.terna.it



Roma, 8 marzo 2013 – Aria e Vento sono tornati. Per il nono anno consecutivo, la coppia di falchi pellegrini più famosa del web ha scelto, per riprodursi, il nido artificiale di Terna sulla terrazza della Facoltà di Economia della Sapienza di Roma, monitorato h24 da una webcam e una “eggcam” in full HD dell’associazione scientifica Ornis italica.



In linea con la tempistica degli anni precedenti anche quest’anno la femmina Aria ha anticipato di qualche giorno la deposizione del suo primo uovo, a cui se ne sono aggiunti presto altri. Tutte le uova verranno covate per circa 33 giorni, i piccoli saranno quindi accuditi da entrambi i genitori per circa 40 giorni, per poi involarsi.



E' stato un birdwatcher olandese ad accorgersi e postare il filmato su YouTube, a conferma del successo internazionale di questa iniziativa seguita, solo nel 2012, da ricercatori e appassionati di ben 90 Paesi. Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “Sostenibilità” di www.terna.it



Questo nido “urbano”, tutelato dalla Presidenza della Facoltà di Economia con il supporto del personale universitario, costituisce l’unica, felice, eccezione nell’ambito di “Nidi sui tralicci”, il progetto che Terna porta avanti da anni con Ornis italica e che conta oltre 550 cassette nido adatte alla nidificazione di diverse specie di uccelli, come ghiandaie marine, gheppi e falchi cuculi, posizionate su tralicci nel Lazio, in Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia e Umbria da cui si involano, ogni anno, oltre 1.000 nuovi nati.

Rassegna stampa 8 marzo 2013



Ansa 1
www.ansa.it/web/notizie/canali/energiaeambiente/natura/2013/03/08/falchi-pellegrini-Aria-Vento-pronti-dare-luce-falchetto-_8366084.html


Ansa 2
www.ansa.it/web/notizie/canali/energiaeambiente/natura/2013/03/08/falchi-pellegrini-restano-uniti-tutta-vita_8366383.html



Adbkronos
www.adnkronos.com/IGN/Sostenibilita/Risorse/I-falchi-pellegrini-Aria-e-Vento-scelgono-per-il-nono-anno-Roma-per-riprodursi_314260382682.html



Il Messaggero
www.ilmessaggero.it/roma/storie/falchi_sapienza/notizie/256821.shtml



Controluce
www.controluce.it/giornale-rubriche/giornale/cronache-i-nostri-paesi/roma/item/64366-aria-e-vento-al-via-la-stagione-riproduttiva-2013-della-coppia-di-falchi-pellegrini-pi%C3%B9-seguita-del-web.html



Ch.ti
www.ch-ti.ch/index.php/animali/8648-aria-e-vento-al-via-la-stagione-riproduttiva-2013-della-coppia-di-falchi-pellegrini-piu-seguita



Il Tempo
www.iltempo.it/roma-capitale/2013/03/08/tornati-i-due-falchi-pellegrini-della-sapienza-1.1116815?localLinksEnabled=false



Zingarate.com
www.zingarate.com/italia/lazio/roma/torna-la-coppia-di-falchi-pellegrini-piu-seguita-sul-web.html


Chedonna.it
www.chedonna.it/attualita/2013/03/09/aria-e-vento-pronti-a-dare-alla-luce-un-falchetto



La Stampa: "Ucciso Pilar, l’ultimo biancone"


Per leggere l'articolo clicca qui

Quotidiano.net: "Ucciso Pilar l'ultimo biancone monitorato"


Per leggere l'articolo clicca qui

Greenreport.it. Abbattuto un altro biancone sullo Stretto di Messina. E' il quinto di quelli seguiti da Ornis italica


Per leggere l'articolo clicca qui

Zazoom.t: "Ucciso Pilar Stretto di Messina | Ultimo dei 5 bianconi, grandi rapaci"


Per leggere l'articolo clicca qui

Adnkronos (articolo): "Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori"


Per leggere l'articolo clicca qui

Adnkronos (lancio agenzia). Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori


SICILIA


Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori



Roma, 2 nov. - (Adnkronos) - E' morto per mano di un bracconiere sullo Stretto di Messina, Pilar, l'ultimo dei 5 bianconi, grandi rapaci, seguiti tramite trasmettitore satellitare da un gruppo di studio di ricercatori che ne stavano studiando le rotte migratorie. Il 100% di mortalita' "giovanile" del campione seguito dal gruppo e' un dato molto preoccupante per la conservazione della specie. Gravissimi i danni all'ecosistema dovuti ai bracconieri. Lo sottolinea l'associazione Ornis Italica.

La strage dei rari esemplari di Biancone (Circaetus gallicus), detto anche Aquila dei Serpenti, e' solo l'ultima di una serie tragica che nel primo mese di apertura della stagione venatoria ha visto in azione numerosi bracconieri, che hanno puntato le loro armi su specie protette: ibis eremita, fenicotteri, cigni e cicogne bianche e nere.

Giacomo Dell'Omo, naturalista, presidente di Ornis Italica (associazione no profit che, tra le altre attivita', con il progetto Birdcam.it consente di a tutti di osservare la vita dei nidi di rapaci, ma non solo, attraverso le webcam di www.birdcam.it, ndr), si unisce all'indignazione e al dolore dei colleghi che hanno visto spezzarsi le vite dei rari rapaci che seguivano sin dalla schiusa delle uova e vanificare i loro studi sulle migrazioni. (segue)



Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori (2)



(Adnkronos) - "Anch'io studio i movimenti degli uccelli", spiega il dottor Dell'Omo. "Immagino gli sforzi dei ricercatori che seguivano la crescita dei tre giovani bianconi nati nel 2011 in Basilicata - dice Giacomo Dell'Omo - La fatica sotto il sole di luglio per raggiungere il nido e le attenzioni per avvicinarsi ai pulcini, le operazioni veloci, ma frutto di una preparazione minuziosa dei particolari, per applicare sulla schiena degli uccelli dei costosi strumenti satellitari che avrebbero permesso di seguirne negli anni gli spostamenti E per alcuni mesi gli strumenti applicati ai tre giovani poco prima del loro involo hanno inviato puntualmente i dati rilevando che due di questi avevano risalito la penisola passando per la Spagna. Poi piu' nulla".

"Il segnale ormai immobile ha permesso il recupero dei corpi senza vita - dice - Uno e' morto non lontano da Granada, mentre il secondo aveva raggiunto l'Africa e superato il deserto del Sahara: morto in Mauritania. Pilar era invece rimasto in Italia e aveva scelto di spostarsi verso sud, ma attraversato lo Stretto e raggiunta la Sicilia forse non se l'e' sentita di attraversare il mare e ha passato l'inverno sull'isola. E' poi tornato in Basilicata poi di nuovo in Sicilia attraversando lo Stretto ben sette volte. A meta' settembre, quest'anno, il suo ultimo passaggio: la fucilata di un bracconiere lo ha abbattuto vanificando le speranze di quanti ne seguivano gli spostamenti e cancellando gli sforzi dei ricercatori. L'anno prima altri due pulcini equipaggiati con trasmettitori satellitari erano stati uccisi: uno in Africa con una freccia in un piccolo villaggio e anche l'altro nella sua prima migrazione".


Ansa: "Bracconieri uccidono il biancone Pilar"


Per leggere l'articolo clicca qui

I BRACCONIERI HANNO AMMAZZATO PILAR (Comunicato stampa Ornis Italica)


COMUNICATO STAMPA


I BRACCONIERI HANNO AMMAZZATO PILAR


Tutti morti i bianconi monitorati dai ricercatori tramite trasmettitori satellitari


Roma, 1 novembre 2012


E' morto per mano di un bracconiere sullo Stretto di Messina, Pilar, l'ultimo dei 5 bianconi, grandi rapaci, seguiti tramite trasmettitore satellitare da un gruppo di studio di ricercatori che ne stavano studiando le rotte migratorie. Il 100% di mortalità “giovanile” del campione seguito dal gruppo è un dato molto preoccupante per la conservazione della specie. Gravissimi i danni all'ecosistema dovuti ai bracconieri.
La strage dei rari esemplari di Biancone (Circaetus gallicus), detto anche Aquila dei Serpenti, è solo l'ultima di una serie tragica che nel primo mese di apertura della stagione venatoria ha visto in azione numerosi bracconieri, che hanno puntato le loro armi su specie protette: ibis eremita, fenicotteri, cigni e cicogne bianche e nere.
Giacomo Dell'Omo, naturalista, presidente di "Ornis Italica" (associazione no profit che, tra le altre attività, con il progetto Birdcam.it consente di a tutti di osservare la vita dei nidi di rapaci, ma non solo, attraverso le webcam di www.birdcam.it, ndr), si unisce all'indignazione e al dolore dei colleghi che hanno visto spezzarsi le vite dei rari rapaci che seguivano sin dalla schiusa delle uova e vanificare i loro studi sulle migrazioni.
"Anch’io studio i movimenti degli uccelli", spiega il dottor Dell'Omo. "Immagino gli sforzi dei ricercatori che seguivano la crescita dei tre giovani bianconi nati nel 2011 in Basilicata. La fatica sotto il sole di luglio per raggiungere il nido e le attenzioni per avvicinarsi ai pulcini, le operazioni veloci, ma frutto di una preparazione minuziosa dei particolari, per applicare sulla schiena degli uccelli dei costosi strumenti satellitari che avrebbero permesso di seguirne negli anni gli spostamenti E per alcuni mesi gli strumenti applicati ai tre giovani poco prima del loro involo hanno inviato puntualmente i dati rilevando che due di questi avevano risalito la penisola passando per la Spagna. Poi più nulla. Il segnale ormai immobile ha permesso il recupero dei corpi senza vita. Uno è morto non lontano da Granada, mentre il secondo aveva raggiunto l’Africa e superato il deserto del Sahara: morto in Mauritania. Pilar era invece rimasto in Italia e aveva scelto di spostarsi verso sud, ma attraversato lo Stretto e raggiunta la Sicilia forse non se l’è sentita di attraversare il mare e ha passato l’inverno sull’isola. E’ poi tornato in Basilicata poi di nuovo in Sicilia attraversando lo Stretto ben sette volte. A metà settembre, quest’anno, il suo ultimo passaggio: la fucilata di un bracconiere lo ha abbattuto vanificando le speranze di quanti ne seguivano gli spostamenti e cancellando gli sforzi dei ricercatori. L’anno prima altri due pulcini equipaggiati con trasmettitori satellitari erano stati uccisi: uno in Africa con una freccia in un piccolo villaggio e anche l’altro nella sua prima migrazione".


Per ulteriori info, testimonianze e storie: Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis italica, tel. 347.6167167


Ornis Italica: www.ornisitalica.com - Canale Youtube: www.youtube.com/ornisitalica


Birdcam.it: www.birdcam.it - Facebook: www.facebook.com/birdcam.it - Canale Youtube: www.youtube.com/birdcamit


Pilar


Image and video hosting by TinyPic

Le rotte percorse da Pilar

Image and video hosting by TinyPic

Anche il "National Geographic" parla dello studio sugli albatros di Ornis Italica, che gestisce il progetto Birdcam.it


Per leggere l'articolo clicca qui

Un articolo della testata tedesca "Spiegel" a proposito di un recente studio sugli albatros condotto da Ornis Italica, che gestisce il progetto Birdcam.it


Per leggere l'articolo clicca qui

Comunicato stampa 6/9/2012: SU BIRDCAM.IT UNA FAMIGLIA DI BERTE MAGGIORI ONLINE DA LINOSA

Cs berte settembre 2012.doc


Image and video hosting by TinyPic

COMUNICATO STAMPA


SU BIRDCAM.IT UNA FAMIGLIA DI BERTE MAGGIORI ONLINE DA LINOSA


Con www.birdcam.it il birdwatching si fa online!


Terminata la stagione riproduttiva dei falchi e ghiandaie, le webcam di Birdcam.it (www.birdcam.it) sono ora puntate su una famiglia di Berte maggiori che hanno nidificato a Linosa. Il pulcino che vive nel nido, “battezzato” Nuvola dagli appassionati che da Internet lo seguono via web, è monitorato 24 ore su 24 da una cam che registra la sua vita e gli arrivi nottetempo dei genitori per l’imbeccata.


Il nido delle Berte maggiori (Calonectris diomedea) seguito da Birdcam.it si trova tra le rocce di Mannarazza, un tratto di costa di aspre rocce vulcaniche nella splendida isola di Linosa, nel Canale di Sicilia, in provincia di Agrigento, ed è oggetto di studio dei ricercatori coordinati dal professore Bruno Massa, dell’Università di Palermo. Tra questi, i naturalisti di Ornis Italica, associazione che ha ideato e gestisce il progetto Birdcam.it. Il gruppo di ricerca studia il comportamento riproduttivo di questa specie e ne segue gli spostamenti in mare.


La riproduzione delle Berte maggiori è la più lunga in Europa ed inizia a maggio, con la deposizione di un unico uovo. In questa grotta le Berte seguite da Birdcam.it, Roberta e Umberto, coppia monogamica e fedele, hanno deposto il loro uovo nel maggio scorso. I genitori resteranno con il pulcino fino al suo involo e tornano al nido solamente durante la notte, per nutrirlo. È quindi possibile osservare gli adulti solamente durante le fasi notturne, alternandosi nelle visite, mentre il pulcino resta solo durante le ore diurne. Se tutto andrà bene, il pulcino s'involerà per la sua prima migrazione verso gli oceani alla fine di ottobre, preceduto di pochi giorni dalla partenza degli adulti.


La webcam sulla famiglia di Berte consente a tutti l’osservazione della vita del nido, basta collegarsi a www.birdcam.it, il primo portale italiano con le webcam puntate su nidi di uccelli. Birdcam.it è anche su Facebook alla pagina www.facebook.com/birdcam.it, in continuo aggiornamento con notizie, foto, video e tante informazioni sui temi legati all’ornitologia e al birdwatching.



Qui qualche foto scattatta via webcam: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.418103341554354.97269.293019867396036



Domani, venerdì 7 settembre, Radio3 Scienza (canale Rai), dalle 11 alle 11:30 circa, intervisterà Giacomo dell'Omo, presidente di Ornis Italica, proprio sulle Berte di Linosa e sul progetto Birdcam.it.



Roma, 6 settembre 2012



Infoline: Giacomo Dell’Omo, tel 347.6167167

Flavio Cattaneo: Terna 550 cassette per la nidificazione di falchi pellegrini sui tralicci elettrici (Tvinx del 3 maggio 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

Nidificazione falchi pellegrini. I piccoli della coppia Aria e Vento lasciano il nido (A-Zeta.it del 2 maggio 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

La Sapienza, inanellamento per i 4 falchetti di Aria e Vento (Repubblica.it del 30 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

Si allarga la famiglia di Aria e Vento, altri 4 piccoli per i falchi più famosi del web (Adnkronos del 27 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

Aria e Vento, nati quattro nuovi falchetti nel nido artificiale alla Sapienza (Terna Web Magazine del 12 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

Sono nati Welby, Kit, Mitra e Vic, i 4 piccoli falchi della coppia Aria e Vento (Il Tempo dell'11 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

Nati i quattro falchetti nel nido della Sapienza (Metro dell'11 aprile)


Per leggere l'articolo clicca qui

Nato il primo falchetto nel nido della Sapienza (Metro del 9/4/2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

La storia di due falchi che hanno il nido sulla torre di Telecom Italia (Avoicomunicare del 3 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui



La Voce 22 Feb 2011

220211 LaVoce - Nidi artificiali sui tralicci elettrici - contributo di Terna alla biodiversità.pdf


Cronaca di Piacenza 20 Feb 2011

200211 CronacaPiacenza - 500 nidi artificiali sui tralicci di Terna.pdf


Corriere Nazionale 20 Feb 2011

200211 CorrNazionale - Oltre 500 nidi artificiali installati sui tralicci. E i rapaci tornano a volare sul cielo di Roma.pdf


Il Sannio 19 Feb 2011

190211 IlSannio - Dalle linee elettriche un contributo importante per la tutela della biodiversità.pdf


Il tempo 21 10 10

21 10 10 il tempo.pdf


Brescia Oggi 04_10_10

041010 BresciaOggi - Una web cam per «spiare» la schiusa delle uova.pdf


rassegna testate on line 04_10_10

Rassegna_testate_on_line 04_10_10.pdf


Rassegna agenzie 04_04_10

Rassegna_Agenzie 04_10_10.pdf


il giorno 29_09_10

290910_IlGiornoLodiPavia_-_Sui_tralicci_hanno_messo_casa_ottanta_falchetti.pdf


il tempo 30_4_10

il tempo 30_04.PDF


la nazione 20_4_10

la nazione_umbria_20_04.PDF


il tempo 17_4_10

il tempo 17_4.pdf


il tempo 13_3_10

il tempo 13_3.pdf


Nannimagazine 29_03-10

nannimagazine 29_03_10.pdf


corriere della sera 14_3_10

corriere_della_sera 14_3.pdf


Avvenire 20_4_10

avvenire_20_04.PDF


Corriere della sera 27_4_09

corriere della sera 27 04 09 -1.jpg


Animalia 10_4_09

animalia 10 04 09.jpg


Il Giornale 11_4_09

il giornale 11 04 09.pdf


Libero 11_4_09

Libero 11 04 09.pdf


La Repubblica 11_4_09

la Repubblica 11 04 09.pdf


il Messaggero 10_4_09

il Messaggero 10 04 09.pdf


Metro 07_03_08

aria e vento METRO 07 03 2008.jpg


Metro 07_03_08

07 03 08 -Metro.jpg


Libero 07_03_08

07 03 08 -Libero.jpg


La Repubblica 07_03_08

07 03 08 -la repubblica.it.jpg


Leggo 07_03_08

07 03 08 - Leggo.jpg


Il Tempo 07_03_08

07 03 08 - Il Tempo .jpg


Avvenire 07_03_08

07 03 08 - Avvenire.jpg


Adn Kronos 30 maggio 2007

Adn Kronos 30_maggio_2007.pdf


La repubblica 27_4_07

27 04 07 la repubblica -zoom.jpg


Il Venerdì di Repubblica 20_4_2007

20 04 07 venerdi di repubblica.jpg


Il Messaggero 18_4_07

18 04 07 messaggero.jpg


Metro 18_4_07

18 04 07 metro.jpg


City 18_4_07

18 04 07 city.jpg


Corriere della Sera 18_4_07

18 04 07 corriere della sera.jpg


Birdcam su Radio Montecarlo (breve)

birdcam.WAV


Leggo 18_4_2007

LEGGO_ROMA_19.pdf


Agenzie 17_4_2007

agenzie 17_4_2007.pdf


Agenzie nascita falchetti a Firenze

Agenzie 16_4_2007.pdf


Florence falcons...Daily Telegraph 0_4_07

040407 Daily Telegraph.jpg


Agenzie 24_3_2007

agenzie 24_3_2007.pdf


Gr 2 Rai 25_3_2007

250307 GR2 1230.WAV


La Repubblica (Roma) 25_3_2007

La Repubblica (Roma) 25_3_2007.tif


Il Tempo (Roma) 25_3_2007

Il Tempo (Roma) 26_3_2007.tif


La Repubblica (Bologna) 25_3_2007

La Repubblica (Bologna) 25_3_2007jpg.jpg


Il Resto del Carlino 25_3_2007

Il Resto del Carlino 25_3_2007.jpg


Piccole Impronte della Lav - febbraio 2007

PiccoleImpronte.pdf


Metro 19_3_2007

metro19_03_07.pdf


Omniroma 16/3/2007

Omniroma 16_3_2007.pdf


Agi 16/3/2007

Agi 16_3_2007.pdf


Ansa 16/3/2007

Ansa 16_3_2007.pdf


Comunicato stampa 16/3/2007

comunicato falchi 2007.pdf


Nuovi cittadini con le ali... - Il Forestale

luglio 2006 - Il forestale n 34.pdf


Villaggio globale 2006 2006

Villaggio Globale.pdf


Rassegna stampa 28_6_2006

rasstampacarta.tif


Agenzie 27_6_2006

agenzie 27_6_2006.pdf


Tg regionale Rai Lazio 20_6_2006

20-06-06 Tg3 Lazio 14.00.asf


Obiettivo indiscreto - Airone

giugno 2006 - Airone n 302.pdf


Reality: spiando Aria e Vento- La Repubblica delle Donne

aprile 2006 - La Repubblica delle Donne.pdf


Reality show con le ali - Quark

aprile 2006 - Quark n 63.pdf


E' nata Iride, piccolo falco della Sapienza - Corriere della sera

Corriere_300406.pdf


La nascita del falco all'Università trasmessa on line - Libero

libero300604.pdf


Roma, falco neonato in diretta su internet - La Repubblica

repubblica300604.pdf


E' nato il piccolo dei falchi di Roma - Il Giornale

giornale300406.pdf


Web-cam riprende la nascita di un falco - Il Giornale

giornale_roma300406.pdf


Il grande fratello ornitologico - Oasis

marzo-aprile 2006 - Oasis n 164.pdf


Il falchetto va all'Università - Il Messaggero

messaggero300406.pdf


Rome One 2006

RomeOne.pdf


Una webcam sul nido - Libero

libero_100306.pdf


Nido

iltempo_90306.pdf


Tornano i falchi all'università - Repubblica

repubblica_90306.pdf


Cuore di falco, l'amore in cima alla Sapienza - Corriere della sera

corriere_90306.pdf


Aria e Vento di nuovo alla Sapienza - Il Messaggero

messaggero_90306.pdf


Nidi sui tralicci - Terna.it

Nidi sui tralicci.pdf


Corrire della sera 27_4_09

corriere della sera 27 04 09 -1.jpg


florence falcom

040407 Daily Telegraph.jpg


(Salamandre) Un cimetière très vivant


Un articolo della rivista svizzera 'Salamandre' in cui si parla anche di Aria e Vento.


Per leggere l'articolo clicca qui

(Horus Blog) Interview with Giacomo Dell'Omo


Un'intervista a Giacomo Dell'Omo (presidente Ornis italica/Birdcam.it) di Horus Blog, progetto spagnolo che studia i gheppi.

Per leggere l'articolo clicca qui

Nota stampa. Nata Stella dalla coppia di falchi più famosa del web


Image and video hosting by TinyPic



INANELLATA STELLA, LA FALCHETTA



FIGLIA DELLA COPPIA ALATA PIU’ SEGUITA DEL WEB



La vita all’interno del nido sui siti

www.birdcam.it
e nella sezione “Sostenibilità” di
www.terna.it



Roma, 12 maggio 2014
– E’ stata inanellata Stella la giovane falchetta figlia delle star del web Aria e Vento, che hanno raggiunto il decimo anno di vita insieme.



Stella, nata il 15 aprile, ha ora sulla zampina destra l’anello identificativo con il numero CJ2138 che consentirà di riconoscerla se -
dopo l’involo - dovesse essere nuovamente inquadrata dalle webcam o se venisse ritrovata. Quest’anno gli anelli hanno consentito di riconoscere ben tre
falchi nati negli anni passati: due figli di Aria e Vento, che si sono riprodotti in altri due nidi seguiti dalle cam, e un altro, giunto ferito alla Lipu,
che ora è in convalescenza nel Centro di Recupero.




Alla cerimonia d’inanellamento del falco pellegrino - avvenuta come di consueto sulla terrazza della facoltà di Economia dell’Università “La Sapienza” di
Roma che ospita la cassetta nido installata da Terna in collaborazione con Ornis italica - erano presenti, tra gli altri, il preside della facoltà
prof. Giuseppe Ciccarone e l’ex preside Attilio Celant, oltre ai numerosi appassionati che seguono le sorti del nido sul sito di Birdcam.it.




Inanellati anche i falchetti - sette in totale - degli altri tre nidi seguiti dalle webcam di Ornis italica-Birdcam.it (www.birdcam.it). Tutti i particolari sulle “carte d’identità” dei piccoli sono riportati in questa nota → http://goo.gl/0x0OkA.




Le webcam di Aria e Vento su Birdcam.it sono un’iniziativa di Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, in
collaborazione con la facoltà di Economia dell’Università “La Sapienza” di Roma e di Ornis italica, l’associazione di ricercatori e ornitologi con
la quale Terna collabora anche per “Nidi sui tralicci”, il progetto nato per aiutare la nidificazione di altre specie (gheppi, allocchi e ghiandaie marine)
nella campagna romana e in altre regioni italiane.




In questi dieci anni si sono felicemente involati dal nido dell’Università 26 piccoli, alcuni dei quali hanno formato nuove coppie in altre zone della
città.



Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “ Sostenibilità” di www.terna.it.



Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “Sostenibilità” di www.terna.it.



Foto di Stella con un genitore
http://goo.gl/
NXKrxd




Foto della stagione riproduttiva 2014 di Aria e Vento
http://goo.gl/P3krBA





Per maggiori informazioni:




Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis Italica – Tel. 347.6167167



Comunicazione e social media Ornis italica-Birdcam.it: Loredana Diglio e-mail:
birdcamfb@gmail.com




Ufficio Stampa Terna – Tel. 06.83139081 e-mail
ufficio.stampa@terna.it




Ufficio Stampa e Comunicazione Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
www.uniroma1.it



Capo ufficio stampa: Alessandra Bomben



Addetti Stampa: Christian Benenati - Marino Midena - Barbara Sabatini - Stefania Sepulcri



Tel. 06.49910035/0034 Fax 06.49910399 e-mail
stampa@uniroma1.it

Nota stampa. Nata Stella dalla coppia di falchi più famosa del web


Image and video hosting by TinyPic




NATA STELLA DALLA COPPIA



DI FALCHI PELLEGRINI PIU’ FAMOSA DEL WEB



QUEST’ANNO ARIA E VENTO SONO ANCHE “NONNI”







Roma, 23 aprile 2014
– Aria e Vento, i falchi pellegrini più famosi del web monitorati nel loro nido dalle webcam di Terna su www.birdcam.it, tornano alla ribalta quest’anno non solo per essere di nuovo genitori nel loro decimo anniversario di
vita insieme, ma anche per essere diventati “nonni”.



Il 15 aprile è venuta alla luce Stella, così è stata “battezzata” dagli affezionati che seguono sul web. Ma non finisce qui: per un caso sorprendente due
loro figli, inanellati da piccoli dagli ornitologi di Ornis italica, hanno occupato due nidi seguiti da Birdcam.it in altre parti della città,
piuttosto distanti dalla loro cassetta situata nell’edificio della facoltà di Economia dell’Università “La Sapienza” di Roma.



La lettura degli anelli e la conseguente identificazione è stata possibile proprio grazie al monitoraggio via webcam. E così, Alex, nato nel 2010, fa ora
coppia con Vergine e sta per diventare papà, mentre Briciola, nato nel 2007, è già padre di quattro splendidi pulli, concepiti con Aloa. Tutti e tre i
nidi, insieme a quello di una terza copia, Alice e Virgilio, sono visibili online su www.birdcam.it.



Per il decimo anno consecutivo Aria e Vento ha scelto, per riprodursi, il nido artificiale di Terna sulla terrazza della facoltà di Economia della Sapienza
di Roma, monitorato h 24 da una webcam dell’associazione scientifica Ornis italica. E’ possibile, in questo modo, seguire in diretta le fasi della
riproduzione e scoprire da molto vicino comportamenti che gli ornitologi fino a qualche anno fa erano in grado di osservare solo con i binocoli. In questi
dieci anni si sono felicemente involati dal nido dell’Università 26 piccoli e alcuni di questi hanno formato nuove coppie in altre zone della città.



Questo nido “urbano”, tutelato dalla Presidenza della Facoltà di Economia, costituisce l’unica eccezione nell’ambito del progetto “Nidi sui tralicci” che
Terna porta avanti da anni con Ornis italica per favorire la nidificazione di ghiandaie marine, gheppi, assioli e falchi cuculi, nel Lazio,
Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia e Umbria, grazie all’installazione di centinaia di cassette nido da cui si involano, ogni anno, circa mille nuovi nati.



Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “Sostenibilità” di www.terna.it.



Foto di Stella con un genitore
http://goo.gl/
NXKrxd




Foto della stagione riproduttiva 2014 di Aria e Vento
http://goo.gl/P3krBA





Per maggiori informazioni:




Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis Italica – Tel. 347.6167167



Comunicazione e social media Ornis italica-Birdcam.it: Loredana Diglio e-mail:
birdcamfb@gmail.com




Ufficio Stampa Terna – Tel. 06.83139081 e-mail
ufficio.stampa@terna.it




Ufficio Stampa e Comunicazione Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
www.uniroma1.it



Capo ufficio stampa: Alessandra Bomben



Addetti Stampa: Christian Benenati - Marino Midena - Barbara Sabatini - Stefania Sepulcri



Tel. 06.49910035/0034 Fax 06.49910399 e-mail
stampa@uniroma1.it

Rassegna stampa Aria e Vento 8-9 marzo 2014

Aria e Vento 7-8 marzo 2014.pdf


Nota stampa. ARIA E VENTO: 10 ANNI DI VITA INSIEME AL VIA LA STAGIONE RIPRODUTTIVA 2014 DELLA COPPIA DI FALCHI PELLEGRINI PIU’ SEGUITA DEL WEB


Image and video hosting by TinyPic




ARIA E VENTO: 10 ANNI DI VITA INSIEME



AL VIA LA STAGIONE RIPRODUTTIVA 2014 DELLA COPPIA DI FALCHI PELLEGRINI PIU’ SEGUITA DEL WEB



La vita all’interno del nido sui siti

www.birdcam.it
e nella sezione “Sostenibilità” di
www.terna.it



Roma, 7 marzo 2014
– Aria e Vento, i famosi falchi pellegrini romani, festeggiano quest’anno il loro decimo anno di vita di coppia. Il primo marzo hanno deposto il primo
uovo, dando inizio così alla stagione riproduttiva 2014, che vede coinvolte anche altre tre coppie di falchi pellegrini, la cui vita è ripresa
quotidianamente dalle webcam.




Per il decimo anno consecutivo la coppia di falchi pellegrini più seguita del web ha scelto, per riprodursi, il nido artificiale di Terna sulla terrazza
della facoltà di Economia della Sapienza di Roma, monitorato h 24 da una webcam dell’associazione scientifica Ornis italica. E’ possibile, in
questo modo, seguire in diretta le fasi della riproduzione e scoprire da molto vicino comportamenti che gli ornitologi fino a qualche anno fa erano in
grado di osservare solo con i binocoli. In questi dieci anni si sono felicemente involati dal nido dell’Università 26 piccoli e alcuni di questi hanno
formato nuove coppie in altre zone della città.




Le uova deposte, solitamente quattro, verranno covate per circa 33 giorni, i piccoli saranno quindi accuditi da entrambi i genitori per circa 40 giorni,
per poi involarsi.




Questo nido “urbano”, tutelato dalla Presidenza della Facoltà di Economia, costituisce l’unica eccezione nell’ambito del progetto “Nidi sui tralicci” che
Terna porta avanti da anni con Ornis italica per favorire la nidificazione di ghiandaie marine, gheppi, assioli e falchi cuculi, nel Lazio,
Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia e Umbria, grazie all’installazione di centinaia di cassette nido da cui si involano, ogni anno, circa mille nuovi nati.




Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “ Sostenibilità” di www.terna.it.



Per maggiori informazioni:



Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis Italica – Tel. 347.6167167



Comunicazione e social media Ornis italica-Birdcam.it:
Loredana Diglio e-mail:
birdcamfb@gmail.com







Ufficio Stampa Terna – Tel. 06.83139081 e-mail
ufficio.stampa@terna.it




Ufficio Stampa e Comunicazione Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
www.uniroma1.it



Capo ufficio stampa: Alessandra Bomben



Addetti Stampa: Christian Benenati - Marino Midena - Barbara Sabatini - Stefania Sepulcri



Tel. 06.49910035/0034 Fax 06.49910399 e-mail
stampa@uniroma1.it


RESTITUITO AI GENITORI L'AQUILOTTO DEL BONELLI RAPITO. IL PLAUSO DI ORNIS ITALICA


Image and video hosting by TinyPic



COMUNICATO STAMPA




RESTITUITO AI GENITORI L'AQUILOTTO DEL BONELLI RAPITO. IL PLAUSO DI ORNIS ITALICA





"L'aquilotto del Bonelli rapito l'8 maggio dal suo nido in provincia di Agrigento è tornato dai genitori dopo quasi due mesi. Il padre e la madre lo hanno subito riconosciuto e lo hanno sollecitato a volare con lui, invito che il piccolo ha accolto immediatamente. Un evento unico nel suo genere, un esperimento senza precedenti: per questo ringraziamo vivamente il Servizio Cites del Corpo forestale dello Stato e il Coordinamento per la sua attività investigativa e repressiva e ci congratuliamo con Centro recupero fauna selvatica della Lipu di Ficuzza (Palermo) per l'aver condotto a lieto fine la vicenda, favorendo il ricongiungimento del pullo con i suoi genitori". E' quel che dichiara Ornis italica, associazione di ricercatori naturalisti promotrice del progetto Birdcam.it (www.birdcam.it), che consente di osservare online i nidi di falchi, ghiandaie marine, sule.



"Ornis italica ha seguito con apprensione e poi con gioia le notizie del recupero e del reinserimento del giovane aquilotto del Bonelli nel nido.
Il nucleo Cites della forestale ha agito con precisione e rapidità nel localizzare lontano dalla Sicilia l'aquilotto rubato (un fratellino sfortunatamente era morto), nel recuperarlo e nell'affidarlo alle mani esperte di Massimiliano di Vittorio e i numerosi volontari che con passione competenza lo hanno aiutato a riunirsi ai genitori. Questi ultimi non hanno avuto dubbi nel riconoscerlo e nel prendersi subito cura di lui, nonostante le settimane passate dal momento del rapimento. Ora la giovane aquila si trova tra le mani migliori in cui potesse capitare - quelle dei suoi genitori - che potranno accompagnarla nel raggiungimento dell'indipendenza alimentare e lo aiuteranno ad inserirsi nell'ambiente naturale. E' un'altra notizia confortante, dopo quella dello scorso anno che riguardava l'involo di numerosi aquilotti dai nidi della Sicilia in seguito ai controlli antibracconaggio dei nidi. Speriamo che il prelievo indiscriminato di giovani falchi e aquile dai nidi della Sicilia e di altre zone del nostro Paese possa per sempre finire. Invitiamo chiunque sia a conoscenza d'illeciti sulla fauna selvatica di denunciare i fatti al Corpo forestale dello Stato (tel. 1515)".



Roma, 4 luglio 2013



Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis italica, tel. 347.6167167



Ornis Italica: www.ornisitalica.com Canale Youtube: www.youtube.com/ ornisitalica



Birdcam.it: www.birdcam.it - Facebook: www.facebook.com/birdcam.it - Canale Youtbe: www.youtube.com/birdcamit

(Agoravox) Alla Sapienza sono nati quattro cuccioli di falco


Per leggere l'articolo clicca qui

(Corriere della Sera) Sui tetti della Sapienza nati 4 falchi pellegrini


Per leggere l'articolo clicca qui

(Youanimal.it) Quattro piccoli falchi pellegrini in diretta sul web


Per leggere l'articolo clicca qui


(AdnKronos) Nati i 4 piccoli falchi della coppia Aria e Vento


Per leggere l'articolo clicca qui

b>(Ansa) Nati 'in diretta' 4 falchetti a Roma


Per leggere l'articolo clicca qui

(Agi) AMBIENTE: 4 FALCHI NATI SUI TETTI DI UNIVERSITA' SAPIENZA DI ROMA


Per leggere l'articolo clicca qui

(Agi) INANELLATI A ROMA FALCHETTI PELLEGRINI LA SAPIENZA


Per leggere l'articolo clicca qui

(Dire) ANIMALI. LA SAPIENZA, SI INANELLANO FALCHETTI DI 'ARIA' E 'VENTO'


ANIMALI. LA SAPIENZA, SI INANELLANO FALCHETTI DI 'ARIA' E 'VENTO'. LA COPPIA DI FALCHI PELLEGRINI VIVE IN CASSETTA-NIDO DI TERNA. (DIRE)

Roma, 30 apr. - Anche quest'anno i quattro nuovi nati dalle uova della coppia di falchi pellegrini Aria e Vento, saranno inanellati sul terrazzo della facolta' di Economia dell'Universita' di Roma 'La Sapienza'. L'appuntamento con i ricercatori dell'associazione scientifica di Ornis Italica e' per oggi, a partire dalle ore 17. La nona stagione riproduttiva della prolifica coppia di rapaci che nidifica in una cassetta-nido installata da TERNA sul cornicione della Sapienza, aveva preso il via nei primi giorni di marzo quando Aria aveva deposto il suo primo uovo, seguito da altri tre. Sia la deposizione che la schiusa delle uova sono avvenute in diretta web, e sempre online sul forum di Aria e Vento, i numerosi appassionati hanno scelto per i piccoli i nomi Orus, Licinio, Calpurnia, Shein. La cassetta-nido e' infatti monitorata 24 ore su 24 da una webcam di nuova generazione, caratterizzata da una altissima definizione delle immagini, che permette a studiosi e appassionati di seguire la vita dei rapaci direttamente dal sito www.birdcam.it e dalla sezione "sostenibilita'" di TERNA. 'Birdcam' e' un'iniziativa che vede la collaborazione di TERNA, proprietario della rete elettrica nazionale, dell'Universita' 'La Sapienza' di Roma e di Ornis Italica, l'associazione di ricercatori e ornitologi con la quale TERNA collabora anche per il progetto 'Nidi sui tralicci' che ha gia' portato all'installazione di numerose cassette-nido artificiali sulle linee di TERNA. (SEGUE) (Com/Amb/Dire) 11:27 30-04-13 NNNN


(DIRE) Roma, 30 apr. - Come da tradizione, ogni anno l'inanellamento dei falchetti da parte degli operatori dell'associazione Ornis Italica avviene a circa 15 giorni dalla loro nascita, quando i pulcini sono ancora a uno stadio precoce del loro sviluppo, ricoperti di piumino bianco, mentre le prime penne spunteranno tra qualche giorno. I tempi dell'operazione sono dettati dalla necessita' di non correre il rischio che i pulcini, spaventati dalla presenza degli operatori, possano sbilanciarsi nel vuoto. L'inanellamento e' un atto fondamentale dal punto di vista scientifico perche' consente la riconoscibilita' nel tempo di questi soggetti che potranno essere osservati o catturati nuovamente da altri ricercatori. Le eventuali future segnalazioni permetteranno, infatti, di ricostruire i movimenti degli uccelli che ancora oggi non sono del tutto conosciuti. Ci si aspetta che i giovani falchi, una volta involatisi dal nido, si allontanino fino all'Africa subsahariana (da qui il nome di "peregrinus": pellegrino, dato a questo falco) anche se dati acquisiti proprio da questi soggetti indicano una spiccata filopatria. (Com/Amb/DIRE) 11:27 30-04-13 NNNN

(Tgcom24) Falchi pellegrini nati a Roma


Per leggere l'articolo clicca qui

Comunicato stampa sulla nascita dei pulli Aria e Vento


Image and video hosting by TinyPic


COMUNICATO STAMPA


NATI ORUS, LICINIO, CALPURNIA E SHEIN


I 4 PICCOLI FALCHI DELLA COPPIA ARIA E VENTO



L’evento in diretta sul sito www.birdcam.it grazie alle webcam di Terna


sul tetto della facoltà di Economia dell’Università di Roma “La Sapienza”



Le uova di Aria e Vento, la coppia di falchi pellegrini che da ormai nove anni consecutivi nidifica in una cassetta-nido installata da Terna sul cornicione della Facoltà di Economia dell’Università di Roma “La Sapienza”, erano state deposte all’inizio di marzo. Ora, tutte e quattro, si sono schiuse.


A dare la notizia sono stati gli internauti italiani e olandesi che dal sito www.birdcam.it hanno assistito in diretta alla schiusa delle uova. Il primo falchetto è nato all’alba di mercoledì, dopo circa quaranta giorni di cova, il secondo e il terzo sono nati poco dopo, e il quarto a fine giornata. Gli uccelli avevano impiegato sei giorni per deporre tutte le uova, che invece si sono schiuse tutte in una sola giornata. L’incubazione da parte di entrambi i genitori, quindi, è stata impeccabile: d'altronde, questa coppia ha ormai acquisito una notevole esperienza, se si pensa che nelle nove stagioni riproduttive ha dato alla luce 26 giovani falchetti. Nelle precedenti otto stagioni riproduttive, solo in due occasioni però si erano schiuse tutte e quattro le uova.


Dal momento della schiusa, le immagini e il video dell’evento hanno fatto il giro del web e sono state postate anche su YouTube. I nomi ai pulli vengono assegnati dalle persone che sul forum della webcam osservano per prime l’uovo. Gli internauti hanno quindi deciso che i falchetti si chiameranno Orus, Licinio, Calpurnia, Shein.


Le webcam puntate sui rapaci consentono da quasi un decennio di osservare costantemente la loro vita privata all’interno della cassetta-nido. Gli utenti del web che si collegano al sito o alla pagina Facebook di www.birdcam.it per seguire in diretta la nascita dei falchetti sono sempre più numerosi, tanto da far registrare un picco di visite che si prevede aumenti durante il periodo dell’allevamento. Gli appassionati potranno seguire successivamente l’inanellamento dei giovani falchi, a cura degli operatori dell’Associazione scientifica Ornis Italica che avviene all’età di 15 giorni.


Aria e Vento sono i primi falchi pellegrini a nidificare a Roma e tra i primi in una città italiana.


Il nido artificiale di Terna sulla terrazza della Facoltà di Economia dell’Università di Roma “La Sapienza” è monitorato h24 da due webcam posizionate insieme a Ornis italica.


Terna, oltre al nido sul tetto della facoltà di Economia, ha allestito sui tralicci elettrici nella campagna romana, ma anche in Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia e Umbria, numerose cassette nido adatte alla nidificazione di diverse specie di uccelli, come ghiandaie marine, gheppi e falchi cuculi, da cui si involano, ogni anno, oltre 1.000 nuovi nati.



Roma, 11 aprile 2013


Infoline: Giacomo Dell'Omo (+39) 347.6167167


Comunicato stampa sulla deposizione di Aria e Vento (8 marzo 2013)


Image and video hosting by TinyPic

COMUNICATO STAMPA UNIVERSITA' "LA SAPIENZA" DI ROMA - ORNIS ITALICA - TERNA SPA



La vita all’interno del nido sui siti www.birdcam.it e sulla sezione “Sostenibilità” di www.terna.it



Roma, 8 marzo 2013 – Aria e Vento sono tornati. Per il nono anno consecutivo, la coppia di falchi pellegrini più famosa del web ha scelto, per riprodursi, il nido artificiale di Terna sulla terrazza della Facoltà di Economia della Sapienza di Roma, monitorato h24 da una webcam e una “eggcam” in full HD dell’associazione scientifica Ornis italica.



In linea con la tempistica degli anni precedenti anche quest’anno la femmina Aria ha anticipato di qualche giorno la deposizione del suo primo uovo, a cui se ne sono aggiunti presto altri. Tutte le uova verranno covate per circa 33 giorni, i piccoli saranno quindi accuditi da entrambi i genitori per circa 40 giorni, per poi involarsi.



E' stato un birdwatcher olandese ad accorgersi e postare il filmato su YouTube, a conferma del successo internazionale di questa iniziativa seguita, solo nel 2012, da ricercatori e appassionati di ben 90 Paesi. Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “Sostenibilità” di www.terna.it



Questo nido “urbano”, tutelato dalla Presidenza della Facoltà di Economia con il supporto del personale universitario, costituisce l’unica, felice, eccezione nell’ambito di “Nidi sui tralicci”, il progetto che Terna porta avanti da anni con Ornis italica e che conta oltre 550 cassette nido adatte alla nidificazione di diverse specie di uccelli, come ghiandaie marine, gheppi e falchi cuculi, posizionate su tralicci nel Lazio, in Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia e Umbria da cui si involano, ogni anno, oltre 1.000 nuovi nati.

b>Rassegna stampa 8 marzo 2013



Ansa 1
www.ansa.it/web/notizie/canali/energiaeambiente/natura/2013/03/08/falchi-pellegrini-Aria-Vento-pronti-dare-luce-falchetto-_8366084.html


Ansa 2
www.ansa.it/web/notizie/canali/energiaeambiente/natura/2013/03/08/falchi-pellegrini-restano-uniti-tutta-vita_8366383.html



Adbkronos
www.adnkronos.com/IGN/Sostenibilita/Risorse/I-falchi-pellegrini-Aria-e-Vento-scelgono-per-il-nono-anno-Roma-per-riprodursi_314260382682.html



Il Messaggero
www.ilmessaggero.it/roma/storie/falchi_sapienza/notizie/256821.shtml



Controluce
www.controluce.it/giornale-rubriche/giornale/cronache-i-nostri-paesi/roma/item/64366-aria-e-vento-al-via-la-stagione-riproduttiva-2013-della-coppia-di-falchi-pellegrini-pi%C3%B9-seguita-del-web.html



Ch.ti
www.ch-ti.ch/index.php/animali/8648-aria-e-vento-al-via-la-stagione-riproduttiva-2013-della-coppia-di-falchi-pellegrini-piu-seguita



Il Tempo
www.iltempo.it/roma-capitale/2013/03/08/tornati-i-due-falchi-pellegrini-della-sapienza-1.1116815?localLinksEnabled=false



Zingarate.com
www.zingarate.com/italia/lazio/roma/torna-la-coppia-di-falchi-pellegrini-piu-seguita-sul-web.html


Chedonna.it
www.chedonna.it/attualita/2013/03/09/aria-e-vento-pronti-a-dare-alla-luce-un-falchetto


La Stampa: "Ucciso Pilar, l’ultimo biancone"


Per leggere l'articolo clicca qui

Quotidiano.net: "Ucciso Pilar l'ultimo biancone monitorato"


Per leggere l'articolo clicca qui

Greenreport.it. Abbattuto un altro biancone sullo Stretto di Messina. E' il quinto di quelli seguiti da Ornis italica


Per leggere l'articolo clicca qui

Zazoom.t: "Ucciso Pilar Stretto di Messina | Ultimo dei 5 bianconi, grandi rapaci"


Per leggere l'articolo clicca qui

Adnkronos (articolo): "Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori"


Per leggere l'articolo clicca qui

Adnkronos (lancio agenzia). Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori


SICILIA


Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori



Roma, 2 nov. - (Adnkronos) - E' morto per mano di un bracconiere sullo Stretto di Messina, Pilar, l'ultimo dei 5 bianconi, grandi rapaci, seguiti tramite trasmettitore satellitare da un gruppo di studio di ricercatori che ne stavano studiando le rotte migratorie. Il 100% di mortalita' "giovanile" del campione seguito dal gruppo e' un dato molto preoccupante per la conservazione della specie. Gravissimi i danni all'ecosistema dovuti ai bracconieri. Lo sottolinea l'associazione Ornis Italica.

La strage dei rari esemplari di Biancone (Circaetus gallicus), detto anche Aquila dei Serpenti, e' solo l'ultima di una serie tragica che nel primo mese di apertura della stagione venatoria ha visto in azione numerosi bracconieri, che hanno puntato le loro armi su specie protette: ibis eremita, fenicotteri, cigni e cicogne bianche e nere.

Giacomo Dell'Omo, naturalista, presidente di Ornis Italica (associazione no profit che, tra le altre attivita', con il progetto Birdcam.it consente di a tutti di osservare la vita dei nidi di rapaci, ma non solo, attraverso le webcam di www.birdcam.it, ndr), si unisce all'indignazione e al dolore dei colleghi che hanno visto spezzarsi le vite dei rari rapaci che seguivano sin dalla schiusa delle uova e vanificare i loro studi sulle migrazioni. (segue)



Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori (2)



(Adnkronos) - "Anch'io studio i movimenti degli uccelli", spiega il dottor Dell'Omo. "Immagino gli sforzi dei ricercatori che seguivano la crescita dei tre giovani bianconi nati nel 2011 in Basilicata - dice Giacomo Dell'Omo - La fatica sotto il sole di luglio per raggiungere il nido e le attenzioni per avvicinarsi ai pulcini, le operazioni veloci, ma frutto di una preparazione minuziosa dei particolari, per applicare sulla schiena degli uccelli dei costosi strumenti satellitari che avrebbero permesso di seguirne negli anni gli spostamenti E per alcuni mesi gli strumenti applicati ai tre giovani poco prima del loro involo hanno inviato puntualmente i dati rilevando che due di questi avevano risalito la penisola passando per la Spagna. Poi piu' nulla".

"Il segnale ormai immobile ha permesso il recupero dei corpi senza vita - dice - Uno e' morto non lontano da Granada, mentre il secondo aveva raggiunto l'Africa e superato il deserto del Sahara: morto in Mauritania. Pilar era invece rimasto in Italia e aveva scelto di spostarsi verso sud, ma attraversato lo Stretto e raggiunta la Sicilia forse non se l'e' sentita di attraversare il mare e ha passato l'inverno sull'isola. E' poi tornato in Basilicata poi di nuovo in Sicilia attraversando lo Stretto ben sette volte. A meta' settembre, quest'anno, il suo ultimo passaggio: la fucilata di un bracconiere lo ha abbattuto vanificando le speranze di quanti ne seguivano gli spostamenti e cancellando gli sforzi dei ricercatori. L'anno prima altri due pulcini equipaggiati con trasmettitori satellitari erano stati uccisi: uno in Africa con una freccia in un piccolo villaggio e anche l'altro nella sua prima migrazione".

Ansa: "Bracconieri uccidono il biancone Pilar"


Per leggere l'articolo clicca qui


I BRACCONIERI HANNO AMMAZZATO PILAR (Comunicato stampa Ornis Italica)


COMUNICATO STAMPA


I BRACCONIERI HANNO AMMAZZATO PILAR


Tutti morti i bianconi monitorati dai ricercatori tramite trasmettitori satellitari


Roma, 1 novembre 2012


E' morto per mano di un bracconiere sullo Stretto di Messina, Pilar, l'ultimo dei 5 bianconi, grandi rapaci, seguiti tramite trasmettitore satellitare da un gruppo di studio di ricercatori che ne stavano studiando le rotte migratorie. Il 100% di mortalità “giovanile” del campione seguito dal gruppo è un dato molto preoccupante per la conservazione della specie. Gravissimi i danni all'ecosistema dovuti ai bracconieri.
La strage dei rari esemplari di Biancone (Circaetus gallicus), detto anche Aquila dei Serpenti, è solo l'ultima di una serie tragica che nel primo mese di apertura della stagione venatoria ha visto in azione numerosi bracconieri, che hanno puntato le loro armi su specie protette: ibis eremita, fenicotteri, cigni e cicogne bianche e nere.
Giacomo Dell'Omo, naturalista, presidente di "Ornis Italica" (associazione no profit che, tra le altre attività, con il progetto Birdcam.it consente di a tutti di osservare la vita dei nidi di rapaci, ma non solo, attraverso le webcam di www.birdcam.it, ndr), si unisce all'indignazione e al dolore dei colleghi che hanno visto spezzarsi le vite dei rari rapaci che seguivano sin dalla schiusa delle uova e vanificare i loro studi sulle migrazioni.
"Anch’io studio i movimenti degli uccelli", spiega il dottor Dell'Omo. "Immagino gli sforzi dei ricercatori che seguivano la crescita dei tre giovani bianconi nati nel 2011 in Basilicata. La fatica sotto il sole di luglio per raggiungere il nido e le attenzioni per avvicinarsi ai pulcini, le operazioni veloci, ma frutto di una preparazione minuziosa dei particolari, per applicare sulla schiena degli uccelli dei costosi strumenti satellitari che avrebbero permesso di seguirne negli anni gli spostamenti E per alcuni mesi gli strumenti applicati ai tre giovani poco prima del loro involo hanno inviato puntualmente i dati rilevando che due di questi avevano risalito la penisola passando per la Spagna. Poi più nulla. Il segnale ormai immobile ha permesso il recupero dei corpi senza vita. Uno è morto non lontano da Granada, mentre il secondo aveva raggiunto l’Africa e superato il deserto del Sahara: morto in Mauritania. Pilar era invece rimasto in Italia e aveva scelto di spostarsi verso sud, ma attraversato lo Stretto e raggiunta la Sicilia forse non se l’è sentita di attraversare il mare e ha passato l’inverno sull’isola. E’ poi tornato in Basilicata poi di nuovo in Sicilia attraversando lo Stretto ben sette volte. A metà settembre, quest’anno, il suo ultimo passaggio: la fucilata di un bracconiere lo ha abbattuto vanificando le speranze di quanti ne seguivano gli spostamenti e cancellando gli sforzi dei ricercatori. L’anno prima altri due pulcini equipaggiati con trasmettitori satellitari erano stati uccisi: uno in Africa con una freccia in un piccolo villaggio e anche l’altro nella sua prima migrazione".


Per ulteriori info, testimonianze e storie: Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis italica, tel. 347.6167167


Ornis Italica: www.ornisitalica.com - Canale Youtube: www.youtube.com/ornisitalica


Birdcam.it: www.birdcam.it - Facebook: www.facebook.com/birdcam.it - Canale Youtube: www.youtube.com/birdcamit


Pilar


Image and video hosting by TinyPic

Le rotte percorse da Pilar

Image and video hosting by TinyPic

Anche il "National Geographic" parla dello studio sugli albatros di Ornis Italica, che gestisce il progetto Birdcam.it


Per leggere l'articolo clicca qui

Un articolo della testata tedesca "Spiegel" a proposito di un recente studio sugli albatros condotto da Ornis Italica, che gestisce il progetto Birdcam.it


Per leggere l'articolo clicca qui

Comunicato stampa 6/9/2012: SU BIRDCAM.IT UNA FAMIGLIA DI BERTE MAGGIORI ONLINE DA LINOSA

Cs berte settembre 2012.doc


Image and video hosting by TinyPic

COMUNICATO STAMPA


SU BIRDCAM.IT UNA FAMIGLIA DI BERTE MAGGIORI ONLINE DA LINOSA


Con www.birdcam.it il birdwatching si fa online!


Terminata la stagione riproduttiva dei falchi e ghiandaie, le webcam di Birdcam.it (www.birdcam.it) sono ora puntate su una famiglia di Berte maggiori che hanno nidificato a Linosa. Il pulcino che vive nel nido, “battezzato” Nuvola dagli appassionati che da Internet lo seguono via web, è monitorato 24 ore su 24 da una cam che registra la sua vita e gli arrivi nottetempo dei genitori per l’imbeccata.


Il nido delle Berte maggiori (Calonectris diomedea) seguito da Birdcam.it si trova tra le rocce di Mannarazza, un tratto di costa di aspre rocce vulcaniche nella splendida isola di Linosa, nel Canale di Sicilia, in provincia di Agrigento, ed è oggetto di studio dei ricercatori coordinati dal professore Bruno Massa, dell’Università di Palermo. Tra questi, i naturalisti di Ornis Italica, associazione che ha ideato e gestisce il progetto Birdcam.it. Il gruppo di ricerca studia il comportamento riproduttivo di questa specie e ne segue gli spostamenti in mare.


La riproduzione delle Berte maggiori è la più lunga in Europa ed inizia a maggio, con la deposizione di un unico uovo. In questa grotta le Berte seguite da Birdcam.it, Roberta e Umberto, coppia monogamica e fedele, hanno deposto il loro uovo nel maggio scorso. I genitori resteranno con il pulcino fino al suo involo e tornano al nido solamente durante la notte, per nutrirlo. È quindi possibile osservare gli adulti solamente durante le fasi notturne, alternandosi nelle visite, mentre il pulcino resta solo durante le ore diurne. Se tutto andrà bene, il pulcino s'involerà per la sua prima migrazione verso gli oceani alla fine di ottobre, preceduto di pochi giorni dalla partenza degli adulti.


La webcam sulla famiglia di Berte consente a tutti l’osservazione della vita del nido, basta collegarsi a www.birdcam.it, il primo portale italiano con le webcam puntate su nidi di uccelli. Birdcam.it è anche su Facebook alla pagina www.facebook.com/birdcam.it, in continuo aggiornamento con notizie, foto, video e tante informazioni sui temi legati all’ornitologia e al birdwatching.



Qui qualche foto scattatta via webcam: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.418103341554354.97269.293019867396036



Domani, venerdì 7 settembre, Radio3 Scienza (canale Rai), dalle 11 alle 11:30 circa, intervisterà Giacomo dell'Omo, presidente di Ornis Italica, proprio sulle Berte di Linosa e sul progetto Birdcam.it.



Roma, 6 settembre 2012



Infoline: Giacomo Dell’Omo, tel 347.6167167

Flavio Cattaneo: Terna 550 cassette per la nidificazione di falchi pellegrini sui tralicci elettrici (Tvinx del 3 maggio 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui


b>Nidificazione falchi pellegrini. I piccoli della coppia Aria e Vento lasciano il nido (A-Zeta.it del 2 maggio 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

La Sapienza, inanellamento per i 4 falchetti di Aria e Vento (Repubblica.it del 30 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

Si allarga la famiglia di Aria e Vento, altri 4 piccoli per i falchi più famosi del web (Adnkronos del 27 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

Aria e Vento, nati quattro nuovi falchetti nel nido artificiale alla Sapienza (Terna Web Magazine del 12 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

Sono nati Welby, Kit, Mitra e Vic, i 4 piccoli falchi della coppia Aria e Vento (Il Tempo dell'11 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

Nati i quattro falchetti nel nido della Sapienza (Metro dell'11 aprile)


Per leggere l'articolo clicca qui

Nato il primo falchetto nel nido della Sapienza (Metro del 9/4/2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

La storia di due falchi che hanno il nido sulla torre di Telecom Italia (Avoicomunicare del 3 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui

La Voce 22 Feb 2011

220211 LaVoce - Nidi artificiali sui tralicci elettrici - contributo di Terna alla biodiversità.pdf


Cronaca di Piacenza 20 Feb 2011

200211 CronacaPiacenza - 500 nidi artificiali sui tralicci di Terna.pdf


Corriere Nazionale 20 Feb 2011

200211 CorrNazionale - Oltre 500 nidi artificiali installati sui tralicci. E i rapaci tornano a volare sul cielo di Roma.pdf


Il Sannio 19 Feb 2011

190211 IlSannio - Dalle linee elettriche un contributo importante per la tutela della biodiversità.pdf


Il tempo 21 10 10

21 10 10 il tempo.pdf


Brescia Oggi 04_10_10

041010 BresciaOggi - Una web cam per «spiare» la schiusa delle uova.pdf


rassegna testate on line 04_10_10

Rassegna_testate_on_line 04_10_10.pdf


il tempo 17_4_10

il tempo 17_4.pdf


il tempo 13_3_10

il tempo 13_3.pdf


Animalia 10_4_09

animalia 10 04 09.jpg


Il Giornale 11_4_09

il giornale 11 04 09.pdf


Libero 11_4_09

Libero 11 04 09.pdf


La Repubblica 11_4_09

la Repubblica 11 04 09.pdf


il Messaggero 10_4_09

il Messaggero 10 04 09.pdf


Metro 07_03_08

aria e vento METRO 07 03 2008.jpg


Metro 07_03_08

07 03 08 -Metro.jpg


Libero 07_03_08

07 03 08 -Libero.jpg


La Repubblica 07_03_08

07 03 08 -la repubblica.it.jpg


Leggo 07_03_08

07 03 08 - Leggo.jpg


Il Tempo 07_03_08

07 03 08 - Il Tempo .jpg


Avvenire 07_03_08

07 03 08 - Avvenire.jpg


Adn Kronos 30 maggio 2007

Adn Kronos 30_maggio_2007.pdf


La repubblica 27_4_07

27 04 07 la repubblica -zoom.jpg


Il Venerdì di Repubblica 20_4_2007

20 04 07 venerdi di repubblica.jpg


Il Messaggero 18_4_07

18 04 07 messaggero.jpg


Metro 18_4_07

18 04 07 metro.jpg


City 18_4_07

18 04 07 city.jpg


Corriere della Sera 18_4_07

18 04 07 corriere della sera.jpg


Birdcam su Radio Montecarlo (breve)

birdcam.WAV


Leggo 18_4_2007

LEGGO_ROMA_19.pdf


Agenzie 17_4_2007

agenzie 17_4_2007.pdf


Agenzie nascita falchetti a Firenze

Agenzie 16_4_2007.pdf


Florence falcons...Daily Telegraph 0_4_07

040407 Daily Telegraph.jpg


Agenzie 24_3_2007

agenzie 24_3_2007.pdf


Gr 2 Rai 25_3_2007

250307 GR2 1230.WAV


La Repubblica (Roma) 25_3_2007

La Repubblica (Roma) 25_3_2007.tif


Il Tempo (Roma) 25_3_2007

Il Tempo (Roma) 26_3_2007.tif


La Repubblica (Bologna) 25_3_2007

La Repubblica (Bologna) 25_3_2007jpg.jpg


Il Resto del Carlino 25_3_2007

Il Resto del Carlino 25_3_2007.jpg


Piccole Impronte della Lav - febbraio 2007

PiccoleImpronte.pdf


Metro 19_3_2007

metro19_03_07.pdf


Omniroma 16/3/2007

Omniroma 16_3_2007.pdf


Agi 16/3/2007

Agi 16_3_2007.pdf


Ansa 16/3/2007

Ansa 16_3_2007.pdf


Comunicato stampa 16/3/2007

comunicato falchi 2007.pdf


Nuovi cittadini con le ali... - Il Forestale

luglio 2006 - Il forestale n 34.pdf


Villaggio globale 2006 2006

Villaggio Globale.pdf


Rassegna stampa 28_6_2006

rasstampacarta.tif


Agenzie 27_6_2006

agenzie 27_6_2006.pdf


Tg regionale Rai Lazio 20_6_2006

20-06-06 Tg3 Lazio 14.00.asf


Obiettivo indiscreto - Airone

giugno 2006 - Airone n 302.pdf


Reality: spiando Aria e Vento- La Repubblica delle Donne

aprile 2006 - La Repubblica delle Donne.pdf


Reality show con le ali - Quark

aprile 2006 - Quark n 63.pdf


E' nata Iride, piccolo falco della Sapienza - Corriere della sera

Corriere_300406.pdf


La nascita del falco all'Università trasmessa on line - Libero

libero300604.pdf


Roma, falco neonato in diretta su internet - La Repubblica

repubblica300604.pdf


E' nato il piccolo dei falchi di Roma - Il Giornale

giornale300406.pdf


Web-cam riprende la nascita di un falco - Il Giornale

giornale_roma300406.pdf


Il grande fratello ornitologico - Oasis

marzo-aprile 2006 - Oasis n 164.pdf


Il falchetto va all'Università - Il Messaggero

messaggero300406.pdf


Rome One 2006

RomeOne.pdf


Una webcam sul nido - Libero

libero_100306.pdf


Nido

iltempo_90306.pdf


Tornano i falchi all'università - Repubblica

repubblica_90306.pdf


Cuore di falco, l'amore in cima alla Sapienza - Corriere della sera

corriere_90306.pdf


Aria e Vento di nuovo alla Sapienza - Il Messaggero

messaggero_90306.pdf


Nidi sui tralicci - Terna.it

Nidi sui tralicci.pdf


Corrire della sera 27_4_09

corriere della sera 27 04 09 -1.jpg


florence falcom

040407 Daily Telegraph.jpg


(Salamandre) Un cimetière très vivant


Un articolo della rivista svizzera 'Salamandre' in cui si parla anche di Aria e Vento.


Per leggere l'articolo clicca qui

(Horus Blog) Interview with Giacomo Dell'Omo


Un'intervista a Giacomo Dell'Omo (presidente Ornis italica/Birdcam.it) di Horus Blog, progetto spagnolo che studia i gheppi.

Per leggere l'articolo clicca qui

Nota stampa. Nata Stella dalla coppia di falchi più famosa del web


Image and video hosting by TinyPic




INANELLATA STELLA, LA FALCHETTA



FIGLIA DELLA COPPIA ALATA PIU’ SEGUITA DEL WEB



La vita all’interno del nido sui siti

www.birdcam.it
e nella sezione “Sostenibilità” di
www.terna.it



Roma, 12 maggio 2014
– E’ stata inanellata Stella la giovane falchetta figlia delle star del web Aria e Vento, che hanno raggiunto il decimo anno di vita insieme.



Stella, nata il 15 aprile, ha ora sulla zampina destra l’anello identificativo con il numero CJ2138 che consentirà di riconoscerla se -
dopo l’involo - dovesse essere nuovamente inquadrata dalle webcam o se venisse ritrovata. Quest’anno gli anelli hanno consentito di riconoscere ben tre
falchi nati negli anni passati: due figli di Aria e Vento, che si sono riprodotti in altri due nidi seguiti dalle cam, e un altro, giunto ferito alla Lipu,
che ora è in convalescenza nel Centro di Recupero.




Alla cerimonia d’inanellamento del falco pellegrino - avvenuta come di consueto sulla terrazza della facoltà di Economia dell’Università “La Sapienza” di
Roma che ospita la cassetta nido installata da Terna in collaborazione con Ornis italica - erano presenti, tra gli altri, il preside della facoltà
prof. Giuseppe Ciccarone e l’ex preside Attilio Celant, oltre ai numerosi appassionati che seguono le sorti del nido sul sito di Birdcam.it.




Inanellati anche i falchetti - sette in totale - degli altri tre nidi seguiti dalle webcam di Ornis italica-Birdcam.it (www.birdcam.it). Tutti i particolari sulle “carte d’identità” dei piccoli sono riportati in questa nota → http://goo.gl/0x0OkA.




Le webcam di Aria e Vento su Birdcam.it sono un’iniziativa di Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, in
collaborazione con la facoltà di Economia dell’Università “La Sapienza” di Roma e di Ornis italica, l’associazione di ricercatori e ornitologi con
la quale Terna collabora anche per “Nidi sui tralicci”, il progetto nato per aiutare la nidificazione di altre specie (gheppi, allocchi e ghiandaie marine)
nella campagna romana e in altre regioni italiane.




In questi dieci anni si sono felicemente involati dal nido dell’Università 26 piccoli, alcuni dei quali hanno formato nuove coppie in altre zone della
città.



Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “ Sostenibilità” di www.terna.it.



Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “Sostenibilità” di www.terna.it.



Foto di Stella con un genitore
http://goo.gl/
NXKrxd




Foto della stagione riproduttiva 2014 di Aria e Vento
http://goo.gl/P3krBA





Per maggiori informazioni:




Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis Italica – Tel. 347.6167167



Comunicazione e social media Ornis italica-Birdcam.it: Loredana Diglio e-mail:
birdcamfb@gmail.com




Ufficio Stampa Terna – Tel. 06.83139081 e-mail
ufficio.stampa@terna.it




Ufficio Stampa e Comunicazione Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
www.uniroma1.it



Capo ufficio stampa: Alessandra Bomben



Addetti Stampa: Christian Benenati - Marino Midena - Barbara Sabatini - Stefania Sepulcri



Tel. 06.49910035/0034 Fax 06.49910399 e-mail
stampa@uniroma1.it

Nota stampa. Nata Stella dalla coppia di falchi più famosa del web


Image and video hosting by TinyPic




NATA STELLA DALLA COPPIA



DI FALCHI PELLEGRINI PIU’ FAMOSA DEL WEB



QUEST’ANNO ARIA E VENTO SONO ANCHE “NONNI”







Roma, 23 aprile 2014
– Aria e Vento, i falchi pellegrini più famosi del web monitorati nel loro nido dalle webcam di Terna su www.birdcam.it, tornano alla ribalta quest’anno non solo per essere di nuovo genitori nel loro decimo anniversario di
vita insieme, ma anche per essere diventati “nonni”.



Il 15 aprile è venuta alla luce Stella, così è stata “battezzata” dagli affezionati che seguono sul web. Ma non finisce qui: per un caso sorprendente due
loro figli, inanellati da piccoli dagli ornitologi di Ornis italica, hanno occupato due nidi seguiti da Birdcam.it in altre parti della città,
piuttosto distanti dalla loro cassetta situata nell’edificio della facoltà di Economia dell’Università “La Sapienza” di Roma.



La lettura degli anelli e la conseguente identificazione è stata possibile proprio grazie al monitoraggio via webcam. E così, Alex, nato nel 2010, fa ora
coppia con Vergine e sta per diventare papà, mentre Briciola, nato nel 2007, è già padre di quattro splendidi pulli, concepiti con Aloa. Tutti e tre i
nidi, insieme a quello di una terza copia, Alice e Virgilio, sono visibili online su www.birdcam.it.



Per il decimo anno consecutivo Aria e Vento ha scelto, per riprodursi, il nido artificiale di Terna sulla terrazza della facoltà di Economia della Sapienza
di Roma, monitorato h 24 da una webcam dell’associazione scientifica Ornis italica. E’ possibile, in questo modo, seguire in diretta le fasi della
riproduzione e scoprire da molto vicino comportamenti che gli ornitologi fino a qualche anno fa erano in grado di osservare solo con i binocoli. In questi
dieci anni si sono felicemente involati dal nido dell’Università 26 piccoli e alcuni di questi hanno formato nuove coppie in altre zone della città.



Questo nido “urbano”, tutelato dalla Presidenza della Facoltà di Economia, costituisce l’unica eccezione nell’ambito del progetto “Nidi sui tralicci” che
Terna porta avanti da anni con Ornis italica per favorire la nidificazione di ghiandaie marine, gheppi, assioli e falchi cuculi, nel Lazio,
Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia e Umbria, grazie all’installazione di centinaia di cassette nido da cui si involano, ogni anno, circa mille nuovi nati.



Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “Sostenibilità” di www.terna.it.



Foto di Stella con un genitore
http://goo.gl/
NXKrxd




Foto della stagione riproduttiva 2014 di Aria e Vento
http://goo.gl/P3krBA





Per maggiori informazioni:




Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis Italica – Tel. 347.6167167



Comunicazione e social media Ornis italica-Birdcam.it: Loredana Diglio e-mail:
birdcamfb@gmail.com




Ufficio Stampa Terna – Tel. 06.83139081 e-mail
ufficio.stampa@terna.it




Ufficio Stampa e Comunicazione Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
www.uniroma1.it



Capo ufficio stampa: Alessandra Bomben



Addetti Stampa: Christian Benenati - Marino Midena - Barbara Sabatini - Stefania Sepulcri



Tel. 06.49910035/0034 Fax 06.49910399 e-mail
stampa@uniroma1.it

Rassegna stampa Aria e Vento 8-9 marzo 2014

Aria e Vento 7-8 marzo 2014.pdf


Nota stampa. ARIA E VENTO: 10 ANNI DI VITA INSIEME AL VIA LA STAGIONE RIPRODUTTIVA 2014 DELLA COPPIA DI FALCHI PELLEGRINI PIU’ SEGUITA DEL WEB


Image and video hosting by TinyPic




ARIA E VENTO: 10 ANNI DI VITA INSIEME



AL VIA LA STAGIONE RIPRODUTTIVA 2014 DELLA COPPIA DI FALCHI PELLEGRINI PIU’ SEGUITA DEL WEB



La vita all’interno del nido sui siti

www.birdcam.it
e nella sezione “Sostenibilità” di
www.terna.it



Roma, 7 marzo 2014
– Aria e Vento, i famosi falchi pellegrini romani, festeggiano quest’anno il loro decimo anno di vita di coppia. Il primo marzo hanno deposto il primo
uovo, dando inizio così alla stagione riproduttiva 2014, che vede coinvolte anche altre tre coppie di falchi pellegrini, la cui vita è ripresa
quotidianamente dalle webcam.




Per il decimo anno consecutivo la coppia di falchi pellegrini più seguita del web ha scelto, per riprodursi, il nido artificiale di Terna sulla terrazza
della facoltà di Economia della Sapienza di Roma, monitorato h 24 da una webcam dell’associazione scientifica Ornis italica. E’ possibile, in
questo modo, seguire in diretta le fasi della riproduzione e scoprire da molto vicino comportamenti che gli ornitologi fino a qualche anno fa erano in
grado di osservare solo con i binocoli. In questi dieci anni si sono felicemente involati dal nido dell’Università 26 piccoli e alcuni di questi hanno
formato nuove coppie in altre zone della città.




Le uova deposte, solitamente quattro, verranno covate per circa 33 giorni, i piccoli saranno quindi accuditi da entrambi i genitori per circa 40 giorni,
per poi involarsi.




Questo nido “urbano”, tutelato dalla Presidenza della Facoltà di Economia, costituisce l’unica eccezione nell’ambito del progetto “Nidi sui tralicci” che
Terna porta avanti da anni con Ornis italica per favorire la nidificazione di ghiandaie marine, gheppi, assioli e falchi cuculi, nel Lazio,
Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia e Umbria, grazie all’installazione di centinaia di cassette nido da cui si involano, ogni anno, circa mille nuovi nati.




Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “ Sostenibilità” di www.terna.it.



Per maggiori informazioni:



Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis Italica – Tel. 347.6167167



Comunicazione e social media Ornis italica-Birdcam.it:
Loredana Diglio e-mail:
birdcamfb@gmail.com







Ufficio Stampa Terna – Tel. 06.83139081 e-mail
ufficio.stampa@terna.it




Ufficio Stampa e Comunicazione Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
www.uniroma1.it



Capo ufficio stampa: Alessandra Bomben



Addetti Stampa: Christian Benenati - Marino Midena - Barbara Sabatini - Stefania Sepulcri



Tel. 06.49910035/0034 Fax 06.49910399 e-mail
stampa@uniroma1.it

RESTITUITO AI GENITORI L'AQUILOTTO DEL BONELLI RAPITO. IL PLAUSO DI ORNIS ITALICA


Image and video hosting by TinyPic



COMUNICATO STAMPA




RESTITUITO AI GENITORI L'AQUILOTTO DEL BONELLI RAPITO. IL PLAUSO DI ORNIS ITALICA





"L'aquilotto del Bonelli rapito l'8 maggio dal suo nido in provincia di Agrigento è tornato dai genitori dopo quasi due mesi. Il padre e la madre lo hanno subito riconosciuto e lo hanno sollecitato a volare con lui, invito che il piccolo ha accolto immediatamente. Un evento unico nel suo genere, un esperimento senza precedenti: per questo ringraziamo vivamente il Servizio Cites del Corpo forestale dello Stato e il Coordinamento per la sua attività investigativa e repressiva e ci congratuliamo con Centro recupero fauna selvatica della Lipu di Ficuzza (Palermo) per l'aver condotto a lieto fine la vicenda, favorendo il ricongiungimento del pullo con i suoi genitori". E' quel che dichiara Ornis italica, associazione di ricercatori naturalisti promotrice del progetto Birdcam.it (www.birdcam.it), che consente di osservare online i nidi di falchi, ghiandaie marine, sule.



"Ornis italica ha seguito con apprensione e poi con gioia le notizie del recupero e del reinserimento del giovane aquilotto del Bonelli nel nido.
Il nucleo Cites della forestale ha agito con precisione e rapidità nel localizzare lontano dalla Sicilia l'aquilotto rubato (un fratellino sfortunatamente era morto), nel recuperarlo e nell'affidarlo alle mani esperte di Massimiliano di Vittorio e i numerosi volontari che con passione competenza lo hanno aiutato a riunirsi ai genitori. Questi ultimi non hanno avuto dubbi nel riconoscerlo e nel prendersi subito cura di lui, nonostante le settimane passate dal momento del rapimento. Ora la giovane aquila si trova tra le mani migliori in cui potesse capitare - quelle dei suoi genitori - che potranno accompagnarla nel raggiungimento dell'indipendenza alimentare e lo aiuteranno ad inserirsi nell'ambiente naturale. E' un'altra notizia confortante, dopo quella dello scorso anno che riguardava l'involo di numerosi aquilotti dai nidi della Sicilia in seguito ai controlli antibracconaggio dei nidi. Speriamo che il prelievo indiscriminato di giovani falchi e aquile dai nidi della Sicilia e di altre zone del nostro Paese possa per sempre finire. Invitiamo chiunque sia a conoscenza d'illeciti sulla fauna selvatica di denunciare i fatti al Corpo forestale dello Stato (tel. 1515)".



Roma, 4 luglio 2013



Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis italica, tel. 347.6167167



Ornis Italica: www.ornisitalica.com Canale Youtube: www.youtube.com/ ornisitalica



Birdcam.it: www.birdcam.it - Facebook: www.facebook.com/birdcam.it - Canale Youtbe: www.youtube.com/birdcamit

(Agoravox) Alla Sapienza sono nati quattro cuccioli di falco


Per leggere l'articolo clicca qui

(Corriere della Sera) Sui tetti della Sapienza nati 4 falchi pellegrini


Per leggere l'articolo clicca qui

(Youanimal.it) Quattro piccoli falchi pellegrini in diretta sul web


Per leggere l'articolo clicca qui

(AdnKronos) Nati i 4 piccoli falchi della coppia Aria e Vento


Per leggere l'articolo clicca qui

(Ansa) Nati 'in diretta' 4 falchetti a Roma


Per leggere l'articolo clicca qui


(Agi) AMBIENTE: 4 FALCHI NATI SUI TETTI DI UNIVERSITA' SAPIENZA DI ROMA


Per leggere l'articolo clicca qui

(Agi) INANELLATI A ROMA FALCHETTI PELLEGRINI LA SAPIENZA


Per leggere l'articolo clicca qui

(Dire) ANIMALI. LA SAPIENZA, SI INANELLANO FALCHETTI DI 'ARIA' E 'VENTO'


ANIMALI. LA SAPIENZA, SI INANELLANO FALCHETTI DI 'ARIA' E 'VENTO'. LA COPPIA DI FALCHI PELLEGRINI VIVE IN CASSETTA-NIDO DI TERNA. (DIRE)

Roma, 30 apr. - Anche quest'anno i quattro nuovi nati dalle uova della coppia di falchi pellegrini Aria e Vento, saranno inanellati sul terrazzo della facolta' di Economia dell'Universita' di Roma 'La Sapienza'. L'appuntamento con i ricercatori dell'associazione scientifica di Ornis Italica e' per oggi, a partire dalle ore 17. La nona stagione riproduttiva della prolifica coppia di rapaci che nidifica in una cassetta-nido installata da TERNA sul cornicione della Sapienza, aveva preso il via nei primi giorni di marzo quando Aria aveva deposto il suo primo uovo, seguito da altri tre. Sia la deposizione che la schiusa delle uova sono avvenute in diretta web, e sempre online sul forum di Aria e Vento, i numerosi appassionati hanno scelto per i piccoli i nomi Orus, Licinio, Calpurnia, Shein. La cassetta-nido e' infatti monitorata 24 ore su 24 da una webcam di nuova generazione, caratterizzata da una altissima definizione delle immagini, che permette a studiosi e appassionati di seguire la vita dei rapaci direttamente dal sito www.birdcam.it e dalla sezione "sostenibilita'" di TERNA. 'Birdcam' e' un'iniziativa che vede la collaborazione di TERNA, proprietario della rete elettrica nazionale, dell'Universita' 'La Sapienza' di Roma e di Ornis Italica, l'associazione di ricercatori e ornitologi con la quale TERNA collabora anche per il progetto 'Nidi sui tralicci' che ha gia' portato all'installazione di numerose cassette-nido artificiali sulle linee di TERNA. (SEGUE) (Com/Amb/Dire) 11:27 30-04-13 NNNN


(DIRE) Roma, 30 apr. - Come da tradizione, ogni anno l'inanellamento dei falchetti da parte degli operatori dell'associazione Ornis Italica avviene a circa 15 giorni dalla loro nascita, quando i pulcini sono ancora a uno stadio precoce del loro sviluppo, ricoperti di piumino bianco, mentre le prime penne spunteranno tra qualche giorno. I tempi dell'operazione sono dettati dalla necessita' di non correre il rischio che i pulcini, spaventati dalla presenza degli operatori, possano sbilanciarsi nel vuoto. L'inanellamento e' un atto fondamentale dal punto di vista scientifico perche' consente la riconoscibilita' nel tempo di questi soggetti che potranno essere osservati o catturati nuovamente da altri ricercatori. Le eventuali future segnalazioni permetteranno, infatti, di ricostruire i movimenti degli uccelli che ancora oggi non sono del tutto conosciuti. Ci si aspetta che i giovani falchi, una volta involatisi dal nido, si allontanino fino all'Africa subsahariana (da qui il nome di "peregrinus": pellegrino, dato a questo falco) anche se dati acquisiti proprio da questi soggetti indicano una spiccata filopatria. (Com/Amb/DIRE) 11:27 30-04-13 NNNN

(Tgcom24) Falchi pellegrini nati a Roma


Per leggere l'articolo clicca qui

Comunicato stampa sulla nascita dei pulli Aria e Vento


Image and video hosting by TinyPic


COMUNICATO STAMPA


NATI ORUS, LICINIO, CALPURNIA E SHEIN


I 4 PICCOLI FALCHI DELLA COPPIA ARIA E VENTO



L’evento in diretta sul sito www.birdcam.it grazie alle webcam di Terna


sul tetto della facoltà di Economia dell’Università di Roma “La Sapienza”



Le uova di Aria e Vento, la coppia di falchi pellegrini che da ormai nove anni consecutivi nidifica in una cassetta-nido installata da Terna sul cornicione della Facoltà di Economia dell’Università di Roma “La Sapienza”, erano state deposte all’inizio di marzo. Ora, tutte e quattro, si sono schiuse.


A dare la notizia sono stati gli internauti italiani e olandesi che dal sito www.birdcam.it hanno assistito in diretta alla schiusa delle uova. Il primo falchetto è nato all’alba di mercoledì, dopo circa quaranta giorni di cova, il secondo e il terzo sono nati poco dopo, e il quarto a fine giornata. Gli uccelli avevano impiegato sei giorni per deporre tutte le uova, che invece si sono schiuse tutte in una sola giornata. L’incubazione da parte di entrambi i genitori, quindi, è stata impeccabile: d'altronde, questa coppia ha ormai acquisito una notevole esperienza, se si pensa che nelle nove stagioni riproduttive ha dato alla luce 26 giovani falchetti. Nelle precedenti otto stagioni riproduttive, solo in due occasioni però si erano schiuse tutte e quattro le uova.


Dal momento della schiusa, le immagini e il video dell’evento hanno fatto il giro del web e sono state postate anche su YouTube. I nomi ai pulli vengono assegnati dalle persone che sul forum della webcam osservano per prime l’uovo. Gli internauti hanno quindi deciso che i falchetti si chiameranno Orus, Licinio, Calpurnia, Shein.


Le webcam puntate sui rapaci consentono da quasi un decennio di osservare costantemente la loro vita privata all’interno della cassetta-nido. Gli utenti del web che si collegano al sito o alla pagina Facebook di www.birdcam.it per seguire in diretta la nascita dei falchetti sono sempre più numerosi, tanto da far registrare un picco di visite che si prevede aumenti durante il periodo dell’allevamento. Gli appassionati potranno seguire successivamente l’inanellamento dei giovani falchi, a cura degli operatori dell’Associazione scientifica Ornis Italica che avviene all’età di 15 giorni.


Aria e Vento sono i primi falchi pellegrini a nidificare a Roma e tra i primi in una città italiana.


Il nido artificiale di Terna sulla terrazza della Facoltà di Economia dell’Università di Roma “La Sapienza” è monitorato h24 da due webcam posizionate insieme a Ornis italica.


Terna, oltre al nido sul tetto della facoltà di Economia, ha allestito sui tralicci elettrici nella campagna romana, ma anche in Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia e Umbria, numerose cassette nido adatte alla nidificazione di diverse specie di uccelli, come ghiandaie marine, gheppi e falchi cuculi, da cui si involano, ogni anno, oltre 1.000 nuovi nati.



Roma, 11 aprile 2013


Infoline: Giacomo Dell'Omo (+39) 347.6167167

Comunicato stampa sulla deposizione di Aria e Vento (8 marzo 2013)


Image and video hosting by TinyPic

COMUNICATO STAMPA UNIVERSITA' "LA SAPIENZA" DI ROMA - ORNIS ITALICA - TERNA SPA



La vita all’interno del nido sui siti www.birdcam.it e sulla sezione “Sostenibilità” di www.terna.it



Roma, 8 marzo 2013 – Aria e Vento sono tornati. Per il nono anno consecutivo, la coppia di falchi pellegrini più famosa del web ha scelto, per riprodursi, il nido artificiale di Terna sulla terrazza della Facoltà di Economia della Sapienza di Roma, monitorato h24 da una webcam e una “eggcam” in full HD dell’associazione scientifica Ornis italica.



In linea con la tempistica degli anni precedenti anche quest’anno la femmina Aria ha anticipato di qualche giorno la deposizione del suo primo uovo, a cui se ne sono aggiunti presto altri. Tutte le uova verranno covate per circa 33 giorni, i piccoli saranno quindi accuditi da entrambi i genitori per circa 40 giorni, per poi involarsi.



E' stato un birdwatcher olandese ad accorgersi e postare il filmato su YouTube, a conferma del successo internazionale di questa iniziativa seguita, solo nel 2012, da ricercatori e appassionati di ben 90 Paesi. Per seguire la vita all’interno del nido è sufficiente collegarsi al sito www.birdcam.it o andare nella sezione “Sostenibilità” di www.terna.it



Questo nido “urbano”, tutelato dalla Presidenza della Facoltà di Economia con il supporto del personale universitario, costituisce l’unica, felice, eccezione nell’ambito di “Nidi sui tralicci”, il progetto che Terna porta avanti da anni con Ornis italica e che conta oltre 550 cassette nido adatte alla nidificazione di diverse specie di uccelli, come ghiandaie marine, gheppi e falchi cuculi, posizionate su tralicci nel Lazio, in Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia e Umbria da cui si involano, ogni anno, oltre 1.000 nuovi nati.

Rassegna stampa 8 marzo 2013



Ansa 1
www.ansa.it/web/notizie/canali/energiaeambiente/natura/2013/03/08/falchi-pellegrini-Aria-Vento-pronti-dare-luce-falchetto-_8366084.html


Ansa 2
www.ansa.it/web/notizie/canali/energiaeambiente/natura/2013/03/08/falchi-pellegrini-restano-uniti-tutta-vita_8366383.html



Adbkronos
www.adnkronos.com/IGN/Sostenibilita/Risorse/I-falchi-pellegrini-Aria-e-Vento-scelgono-per-il-nono-anno-Roma-per-riprodursi_314260382682.html



Il Messaggero
www.ilmessaggero.it/roma/storie/falchi_sapienza/notizie/256821.shtml



Controluce
www.controluce.it/giornale-rubriche/giornale/cronache-i-nostri-paesi/roma/item/64366-aria-e-vento-al-via-la-stagione-riproduttiva-2013-della-coppia-di-falchi-pellegrini-pi%C3%B9-seguita-del-web.html



Ch.ti
www.ch-ti.ch/index.php/animali/8648-aria-e-vento-al-via-la-stagione-riproduttiva-2013-della-coppia-di-falchi-pellegrini-piu-seguita



Il Tempo
www.iltempo.it/roma-capitale/2013/03/08/tornati-i-due-falchi-pellegrini-della-sapienza-1.1116815?localLinksEnabled=false



Zingarate.com
www.zingarate.com/italia/lazio/roma/torna-la-coppia-di-falchi-pellegrini-piu-seguita-sul-web.html


Chedonna.it
www.chedonna.it/attualita/2013/03/09/aria-e-vento-pronti-a-dare-alla-luce-un-falchetto

La Stampa: "Ucciso Pilar, l’ultimo biancone"


Per leggere l'articolo clicca qui

Quotidiano.net: "Ucciso Pilar l'ultimo biancone monitorato"


Per leggere l'articolo clicca qui

Greenreport.it. Abbattuto un altro biancone sullo Stretto di Messina. E' il quinto di quelli seguiti da Ornis italica


Per leggere l'articolo clicca qui

Zazoom.t: "Ucciso Pilar Stretto di Messina | Ultimo dei 5 bianconi, grandi rapaci"


Per leggere l'articolo clicca qui

Adnkronos (articolo): "Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori"


Per leggere l'articolo clicca qui

Adnkronos (lancio agenzia). Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori


SICILIA


Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori



Roma, 2 nov. - (Adnkronos) - E' morto per mano di un bracconiere sullo Stretto di Messina, Pilar, l'ultimo dei 5 bianconi, grandi rapaci, seguiti tramite trasmettitore satellitare da un gruppo di studio di ricercatori che ne stavano studiando le rotte migratorie. Il 100% di mortalita' "giovanile" del campione seguito dal gruppo e' un dato molto preoccupante per la conservazione della specie. Gravissimi i danni all'ecosistema dovuti ai bracconieri. Lo sottolinea l'associazione Ornis Italica.

La strage dei rari esemplari di Biancone (Circaetus gallicus), detto anche Aquila dei Serpenti, e' solo l'ultima di una serie tragica che nel primo mese di apertura della stagione venatoria ha visto in azione numerosi bracconieri, che hanno puntato le loro armi su specie protette: ibis eremita, fenicotteri, cigni e cicogne bianche e nere.

Giacomo Dell'Omo, naturalista, presidente di Ornis Italica (associazione no profit che, tra le altre attivita', con il progetto Birdcam.it consente di a tutti di osservare la vita dei nidi di rapaci, ma non solo, attraverso le webcam di www.birdcam.it, ndr), si unisce all'indignazione e al dolore dei colleghi che hanno visto spezzarsi le vite dei rari rapaci che seguivano sin dalla schiusa delle uova e vanificare i loro studi sulle migrazioni. (segue)



Animali: ucciso dai bracconieri Pilar, ultimo biancone monitorato da ricercatori (2)



(Adnkronos) - "Anch'io studio i movimenti degli uccelli", spiega il dottor Dell'Omo. "Immagino gli sforzi dei ricercatori che seguivano la crescita dei tre giovani bianconi nati nel 2011 in Basilicata - dice Giacomo Dell'Omo - La fatica sotto il sole di luglio per raggiungere il nido e le attenzioni per avvicinarsi ai pulcini, le operazioni veloci, ma frutto di una preparazione minuziosa dei particolari, per applicare sulla schiena degli uccelli dei costosi strumenti satellitari che avrebbero permesso di seguirne negli anni gli spostamenti E per alcuni mesi gli strumenti applicati ai tre giovani poco prima del loro involo hanno inviato puntualmente i dati rilevando che due di questi avevano risalito la penisola passando per la Spagna. Poi piu' nulla".

"Il segnale ormai immobile ha permesso il recupero dei corpi senza vita - dice - Uno e' morto non lontano da Granada, mentre il secondo aveva raggiunto l'Africa e superato il deserto del Sahara: morto in Mauritania. Pilar era invece rimasto in Italia e aveva scelto di spostarsi verso sud, ma attraversato lo Stretto e raggiunta la Sicilia forse non se l'e' sentita di attraversare il mare e ha passato l'inverno sull'isola. E' poi tornato in Basilicata poi di nuovo in Sicilia attraversando lo Stretto ben sette volte. A meta' settembre, quest'anno, il suo ultimo passaggio: la fucilata di un bracconiere lo ha abbattuto vanificando le speranze di quanti ne seguivano gli spostamenti e cancellando gli sforzi dei ricercatori. L'anno prima altri due pulcini equipaggiati con trasmettitori satellitari erano stati uccisi: uno in Africa con una freccia in un piccolo villaggio e anche l'altro nella sua prima migrazione".


Ansa: "Bracconieri uccidono il biancone Pilar"


Per leggere l'articolo clicca qui


I BRACCONIERI HANNO AMMAZZATO PILAR (Comunicato stampa Ornis Italica)


COMUNICATO STAMPA


I BRACCONIERI HANNO AMMAZZATO PILAR


Tutti morti i bianconi monitorati dai ricercatori tramite trasmettitori satellitari


Roma, 1 novembre 2012


E' morto per mano di un bracconiere sullo Stretto di Messina, Pilar, l'ultimo dei 5 bianconi, grandi rapaci, seguiti tramite trasmettitore satellitare da un gruppo di studio di ricercatori che ne stavano studiando le rotte migratorie. Il 100% di mortalità “giovanile” del campione seguito dal gruppo è un dato molto preoccupante per la conservazione della specie. Gravissimi i danni all'ecosistema dovuti ai bracconieri.
La strage dei rari esemplari di Biancone (Circaetus gallicus), detto anche Aquila dei Serpenti, è solo l'ultima di una serie tragica che nel primo mese di apertura della stagione venatoria ha visto in azione numerosi bracconieri, che hanno puntato le loro armi su specie protette: ibis eremita, fenicotteri, cigni e cicogne bianche e nere.
Giacomo Dell'Omo, naturalista, presidente di "Ornis Italica" (associazione no profit che, tra le altre attività, con il progetto Birdcam.it consente di a tutti di osservare la vita dei nidi di rapaci, ma non solo, attraverso le webcam di www.birdcam.it, ndr), si unisce all'indignazione e al dolore dei colleghi che hanno visto spezzarsi le vite dei rari rapaci che seguivano sin dalla schiusa delle uova e vanificare i loro studi sulle migrazioni.
"Anch’io studio i movimenti degli uccelli", spiega il dottor Dell'Omo. "Immagino gli sforzi dei ricercatori che seguivano la crescita dei tre giovani bianconi nati nel 2011 in Basilicata. La fatica sotto il sole di luglio per raggiungere il nido e le attenzioni per avvicinarsi ai pulcini, le operazioni veloci, ma frutto di una preparazione minuziosa dei particolari, per applicare sulla schiena degli uccelli dei costosi strumenti satellitari che avrebbero permesso di seguirne negli anni gli spostamenti E per alcuni mesi gli strumenti applicati ai tre giovani poco prima del loro involo hanno inviato puntualmente i dati rilevando che due di questi avevano risalito la penisola passando per la Spagna. Poi più nulla. Il segnale ormai immobile ha permesso il recupero dei corpi senza vita. Uno è morto non lontano da Granada, mentre il secondo aveva raggiunto l’Africa e superato il deserto del Sahara: morto in Mauritania. Pilar era invece rimasto in Italia e aveva scelto di spostarsi verso sud, ma attraversato lo Stretto e raggiunta la Sicilia forse non se l’è sentita di attraversare il mare e ha passato l’inverno sull’isola. E’ poi tornato in Basilicata poi di nuovo in Sicilia attraversando lo Stretto ben sette volte. A metà settembre, quest’anno, il suo ultimo passaggio: la fucilata di un bracconiere lo ha abbattuto vanificando le speranze di quanti ne seguivano gli spostamenti e cancellando gli sforzi dei ricercatori. L’anno prima altri due pulcini equipaggiati con trasmettitori satellitari erano stati uccisi: uno in Africa con una freccia in un piccolo villaggio e anche l’altro nella sua prima migrazione".


Per ulteriori info, testimonianze e storie: Giacomo Dell’Omo, presidente Ornis italica, tel. 347.6167167


Ornis Italica: www.ornisitalica.com - Canale Youtube: www.youtube.com/ornisitalica


Birdcam.it: www.birdcam.it - Facebook: www.facebook.com/birdcam.it - Canale Youtube: www.youtube.com/birdcamit


Pilar


Image and video hosting by TinyPic

Le rotte percorse da Pilar

Image and video hosting by TinyPic


Anche il "National Geographic" parla dello studio sugli albatros di Ornis Italica, che gestisce il progetto Birdcam.it


Per leggere l'articolo clicca qui


Un articolo della testata tedesca "Spiegel" a proposito di un recente studio sugli albatros condotto da Ornis Italica, che gestisce il progetto Birdcam.it


Per leggere l'articolo clicca qui


Comunicato stampa 6/9/2012: SU BIRDCAM.IT UNA FAMIGLIA DI BERTE MAGGIORI ONLINE DA LINOSA

Cs berte settembre 2012.doc


Image and video hosting by TinyPic

COMUNICATO STAMPA


SU BIRDCAM.IT UNA FAMIGLIA DI BERTE MAGGIORI ONLINE DA LINOSA


Con www.birdcam.it il birdwatching si fa online!


Terminata la stagione riproduttiva dei falchi e ghiandaie, le webcam di Birdcam.it (www.birdcam.it) sono ora puntate su una famiglia di Berte maggiori che hanno nidificato a Linosa. Il pulcino che vive nel nido, “battezzato” Nuvola dagli appassionati che da Internet lo seguono via web, è monitorato 24 ore su 24 da una cam che registra la sua vita e gli arrivi nottetempo dei genitori per l’imbeccata.


Il nido delle Berte maggiori (Calonectris diomedea) seguito da Birdcam.it si trova tra le rocce di Mannarazza, un tratto di costa di aspre rocce vulcaniche nella splendida isola di Linosa, nel Canale di Sicilia, in provincia di Agrigento, ed è oggetto di studio dei ricercatori coordinati dal professore Bruno Massa, dell’Università di Palermo. Tra questi, i naturalisti di Ornis Italica, associazione che ha ideato e gestisce il progetto Birdcam.it. Il gruppo di ricerca studia il comportamento riproduttivo di questa specie e ne segue gli spostamenti in mare.


La riproduzione delle Berte maggiori è la più lunga in Europa ed inizia a maggio, con la deposizione di un unico uovo. In questa grotta le Berte seguite da Birdcam.it, Roberta e Umberto, coppia monogamica e fedele, hanno deposto il loro uovo nel maggio scorso. I genitori resteranno con il pulcino fino al suo involo e tornano al nido solamente durante la notte, per nutrirlo. È quindi possibile osservare gli adulti solamente durante le fasi notturne, alternandosi nelle visite, mentre il pulcino resta solo durante le ore diurne. Se tutto andrà bene, il pulcino s'involerà per la sua prima migrazione verso gli oceani alla fine di ottobre, preceduto di pochi giorni dalla partenza degli adulti.


La webcam sulla famiglia di Berte consente a tutti l’osservazione della vita del nido, basta collegarsi a www.birdcam.it, il primo portale italiano con le webcam puntate su nidi di uccelli. Birdcam.it è anche su Facebook alla pagina www.facebook.com/birdcam.it, in continuo aggiornamento con notizie, foto, video e tante informazioni sui temi legati all’ornitologia e al birdwatching.



Qui qualche foto scattatta via webcam: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.418103341554354.97269.293019867396036



Domani, venerdì 7 settembre, Radio3 Scienza (canale Rai), dalle 11 alle 11:30 circa, intervisterà Giacomo dell'Omo, presidente di Ornis Italica, proprio sulle Berte di Linosa e sul progetto Birdcam.it.



Roma, 6 settembre 2012



Infoline: Giacomo Dell’Omo, tel 347.6167167

Flavio Cattaneo: Terna 550 cassette per la nidificazione di falchi pellegrini sui tralicci elettrici (Tvinx del 3 maggio 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui


Nidificazione falchi pellegrini. I piccoli della coppia Aria e Vento lasciano il nido (A-Zeta.it del 2 maggio 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui


La Sapienza, inanellamento per i 4 falchetti di Aria e Vento (Repubblica.it del 30 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui


Si allarga la famiglia di Aria e Vento, altri 4 piccoli per i falchi più famosi del web (Adnkronos del 27 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui


Aria e Vento, nati quattro nuovi falchetti nel nido artificiale alla Sapienza (Terna Web Magazine del 12 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui


Sono nati Welby, Kit, Mitra e Vic, i 4 piccoli falchi della coppia Aria e Vento (Il Tempo dell'11 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui


Nati i quattro falchetti nel nido della Sapienza (Metro dell'11 aprile)


Per leggere l'articolo clicca qui


Nato il primo falchetto nel nido della Sapienza (Metro del 9/4/2012)


Per leggere l'articolo clicca qui


La storia di due falchi che hanno il nido sulla torre di Telecom Italia (Avoicomunicare del 3 aprile 2012)


Per leggere l'articolo clicca qui


La Voce 22 Feb 2011

220211 LaVoce - Nidi artificiali sui tralicci elettrici - contributo di Terna alla biodiversità.pdf


Cronaca di Piacenza 20 Feb 2011

200211 CronacaPiacenza - 500 nidi artificiali sui tralicci di Terna.pdf


Corriere Nazionale 20 Feb 2011

200211 CorrNazionale - Oltre 500 nidi artificiali installati sui tralicci. E i rapaci tornano a volare sul cielo di Roma.pdf


Il Sannio 19 Feb 2011

190211 IlSannio - Dalle linee elettriche un contributo importante per la tutela della biodiversità.pdf


Il tempo 21 10 10

21 10 10 il tempo.pdf


Brescia Oggi 04_10_10

041010 BresciaOggi - Una web cam per «spiare» la schiusa delle uova.pdf



rassegna testate on line 04_10_10

Rassegna_testate_on_line 04_10_10.pdf


Rassegna agenzie 04_04_10

Rassegna_Agenzie 04_10_10.pdf


il giorno 29_09_10

290910_IlGiornoLodiPavia_-_Sui_tralicci_hanno_messo_casa_ottanta_falchetti.pdf


il tempo 30_4_10

il tempo 30_04.PDF


la nazione 20_4_10

la nazione_umbria_20_04.PDF


il tempo 17_4_10

il tempo 17_4.pdf


il tempo 13_3_10

il tempo 13_3.pdf


Nannimagazine 29_03-10

nannimagazine 29_03_10.pdf


corriere della sera 14_3_10

corriere_della_sera 14_3.pdf


Avvenire 20_4_10
avvenire_20_04.PDF


Corriere della sera 27_4_09
corriere della sera 27 04 09 -1.jpg




Animalia 10_4_09
animalia 10 04 09.jpg




Il Giornale 11_4_09
il giornale 11 04 09.pdf




Libero 11_4_09
Libero 11 04 09.pdf




La Repubblica 11_4_09
la Repubblica 11 04 09.pdf




il Messaggero 10_4_09
il Messaggero 10 04 09.pdf




Metro 07_03_08
aria e vento METRO 07 03 2008.jpg




Metro 07_03_08
07 03 08 -Metro.jpg




Libero 07_03_08
07 03 08 -Libero.jpg




La Repubblica 07_03_08
07 03 08 -la repubblica.it.jpg




Leggo 07_03_08
07 03 08 - Leggo.jpg




Il Tempo 07_03_08
07 03 08 - Il Tempo .jpg




Avvenire 07_03_08
07 03 08 - Avvenire.jpg




Adn Kronos 30 maggio 2007
Adn Kronos 30_maggio_2007.pdf




La repubblica 27_4_07
27 04 07 la repubblica -zoom.jpg




Il Venerdì di Repubblica 20_4_2007
20 04 07 venerdi di repubblica.jpg




Il Messaggero 18_4_07
18 04 07 messaggero.jpg




Metro 18_4_07
18 04 07 metro.jpg




City 18_4_07
18 04 07 city.jpg




Corriere della Sera 18_4_07
18 04 07 corriere della sera.jpg




Birdcam su Radio Montecarlo (breve)
birdcam.WAV




Leggo 18_4_2007
LEGGO_ROMA_19.pdf




Agenzie 17_4_2007
agenzie 17_4_2007.pdf




Agenzie nascita falchetti a Firenze
Agenzie 16_4_2007.pdf




Florence falcons...Daily Telegraph 0_4_07
040407 Daily Telegraph.jpg




Agenzie 24_3_2007
agenzie 24_3_2007.pdf




Gr 2 Rai 25_3_2007
250307 GR2 1230.WAV




La Repubblica (Roma) 25_3_2007
La Repubblica (Roma) 25_3_2007.tif




Il Tempo (Roma) 25_3_2007
Il Tempo (Roma) 26_3_2007.tif




La Repubblica (Bologna) 25_3_2007
La Repubblica (Bologna) 25_3_2007jpg.jpg




Il Resto del Carlino 25_3_2007
Il Resto del Carlino 25_3_2007.jpg




Piccole Impronte della Lav - febbraio 2007
PiccoleImpronte.pdf




Metro 19_3_2007
metro19_03_07.pdf




Omniroma 16/3/2007
Omniroma 16_3_2007.pdf




Agi 16/3/2007
Agi 16_3_2007.pdf




Ansa 16/3/2007
Ansa 16_3_2007.pdf




Comunicato stampa 16/3/2007
comunicato falchi 2007.pdf




Nuovi cittadini con le ali... - Il Forestale
luglio 2006 - Il forestale n 34.pdf




Villaggio globale 2006 2006
Villaggio Globale.pdf




Rassegna stampa 28_6_2006
rasstampacarta.tif




Agenzie 27_6_2006
agenzie 27_6_2006.pdf




Tg regionale Rai Lazio 20_6_2006
20-06-06 Tg3 Lazio 14.00.asf




Obiettivo indiscreto - Airone
giugno 2006 - Airone n 302.pdf




Reality: spiando Aria e Vento- La Repubblica delle Donne
aprile 2006 - La Repubblica delle Donne.pdf




Reality show con le ali - Quark
aprile 2006 - Quark n 63.pdf




E' nata Iride, piccolo falco della Sapienza - Corriere della sera
Corriere_300406.pdf




La nascita del falco all'Università trasmessa on line - Libero
libero300604.pdf




Roma, falco neonato in diretta su internet - La Repubblica
repubblica300604.pdf




E' nato il piccolo dei falchi di Roma - Il Giornale
giornale300406.pdf




Web-cam riprende la nascita di un falco - Il Giornale
giornale_roma300406.pdf




Il grande fratello ornitologico - Oasis
marzo-aprile 2006 - Oasis n 164.pdf




Il falchetto va all'Università - Il Messaggero
messaggero300406.pdf




Rome One 2006
RomeOne.pdf




Una webcam sul nido - Libero
libero_100306.pdf




Nido
iltempo_90306.pdf




Tornano i falchi all'università - Repubblica
repubblica_90306.pdf




Cuore di falco, l'amore in cima alla Sapienza - Corriere della sera
corriere_90306.pdf




Aria e Vento di nuovo alla Sapienza - Il Messaggero
messaggero_90306.pdf




Nidi sui tralicci - Terna.it
Nidi sui tralicci.pdf




Corrire della sera 27_4_09
corriere della sera 27 04 09 -1.jpg




florence falcom
040407 Daily Telegraph.jpg




 
 
Ornis italica, Piazza Crati 15, 00199 Rome, Italy.
Tel/fax: (+39)0774571974
e-mail: ornisitalica@gmail.com